privacy
Home / Pensioni / Chi ha una casa può ottenere l’assegno sociale?
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Chi ha una casa può ottenere l’assegno sociale?

Spetta l'Assegno sociale con la casa di proprietà? Va considerata nel calcolo del reddito ai fini del diritto alla prestazione? Ne parliamo in questo approfondimento.

di Carmine Roca

Aprile 2024

In questo approfondimento vedremo insieme se spetta l’Assegno sociale con la casa di proprietà (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

A chi spetta l’Assegno sociale nel 2024?

L’Assegno sociale è una prestazione economica assistenziale, che spetta al compimento del 67° anno di età a chi non è titolare di pensione e non possiede reddito.

In caso di reddito superiore a 0, ma inferiore a una soglia massima rivalutata ogni anno, si ha diritto all’Assegno sociale in misura ridotta, di importo pari alla differenza tra il valore massimo di reddito e il reddito personale.

Per il 2024, in seguito alla rivalutazione degli importi delle pensioni e dei trattamenti assistenziali del 5,4%, il valore mensile dell’Assegno sociale è salito a 534,40 euro al mese, con un incremento di 27 euro rispetto al 2023, per un totale annuo di 6.947,20 euro.

Affinché si abbia diritto all’Assegno sociale, in misura ridotta, il reddito personale non deve superare i 6.947,20 euro, ovvero l’importo di un anno di prestazione. Mentre se l’interessato è coniugato, il reddito complessivo non deve essere superiore a 13.894,66 euro.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Spetta l’Assegno sociale con la casa di proprietà?

Arriviamo, ora, alla domanda di apertura: se possiedo una casa di proprietà, ho diritto all’Assegno sociale?

La risposta è affermativa: sì, poiché ai fini del calcolo del reddito, quello derivante dalla prima casa di abitazione non va preso in considerazione. Di conseguenza, l’intestazione dell’immobile come prima casa non fa assolutamente perdere il diritto all’Assegno sociale.

Ai fini del calcolo del reddito per la concessione dell’Assegno sociale non vengono considerati, oltre alla casa di proprietà, neppure:

Spetta l’Assegno sociale se vendo la casa di proprietà?

E se, invece, il titolare di Assegno sociale dovesse vendere la casa di proprietà generando un utile, la somma ricevuta rientra nel calcolo del reddito per il diritto all’Assegno sociale?

, in questo caso, il ricavato della vendita dell’immobile rientra nel calcolo del reddito preso in considerazione ai fini del diritto all’Assegno sociale, poiché trattasi di un’entrata economica, come riportato dal messaggio INPS numero 4244 del 2017.

Di conseguenza, con il ricavato della vendita della casa di proprietà, il reddito dell’interessato aumenterebbe sensibilmente, rendendo impossibile il diritto all’Assegno sociale.

Spetta l’Assegno sociale se cedo la casa di proprietà in comodato d’uso?

E se per caso il titolare di Assegno sociale, proprietario di un immobile, volesse cederlo in comodato d’uso a terzi, cosa succede?

La sentenza numero 203 della Corte d’Appello di Venezia, del 2002, ha condannato un uomo, che aveva ceduto un immobile di proprietà in comodato d’uso gratuito ai propri figli, causando volontariamente la mancata percezione di un utile, da calcolare nel reddito personale per il diritto all’Assegno sociale.

Spetta l’Assegno sociale in caso di donazione della casa di proprietà ai figli?

Diverso, invece, è il caso di donazione di un immobile da genitore, titolare di Assegno sociale, ai figli o a terzi. Due sentenze del Tribunale di Napoli del 2016 e del Tribunale di Napoli Nord del 2022 hanno dato ragione ai ricorrenti, a cui l’INPS aveva negato il diritto all’Assegno sociale dopo la donazione di uno o più immobili ai figli.

Cedendo le proprietà ai figli, i richiedenti erano diventati nullatenenti. E con un reddito pari a 0 euro aveva diritto all’Assegno sociale.

Assegno sociale con la casa di proprietà
Assegno sociale con la casa di proprietà: in foto un anziano sorridente.

Faq sull’Assegno sociale

Quali sono i requisiti per ottenere l’Assegno sociale?

Per poter richiedere l’Assegno sociale, è necessario soddisfare alcuni requisiti di base oltre a quelli reddituali, tra cui:

Come posso fare domanda per l’Assegno sociale?

La domanda per l’Assegno sociale può essere presentata online attraverso la pagina dedicata all’interno della piattaforma ufficiale dell’INPS.

È importante fornire all’ente tutta la documentazione richiesta, tra cui la dichiarazione ISEE e altri documenti che possono attestare la tua situazione economica e patrimoniale.

Qualora dovessi riscontrare difficoltà nella fase di invio dell’istanza di richiesta dell’assegno sociale, puoi sempre contare sull’aiuto fornito dal servizio Contact Center INPS ai numeri:

È possibile richiedere l’Assegno sociale se si dispone di un’importante somma di denaro in banca?

Purtroppo no. A stabilirlo è una sentenza della Cassazione, che ha ricordato come l’Assegno sociale sia una prestazione riservata a chi versa in uno stato di bisogno economico effettivo, calcolato in base alle dichiarazioni dei redditi presentate dal beneficiario, tenendo conto di qualsiasi tipo di ricavo e del suo tenore di vita.

L’Assegno sociale può essere corrisposto a una vedova?

L’Assegno sociale è una misura che può essere riconosciuta senza problemi anche a una vedova. L’importante è che si rispettino tutti i parametri previsti dalla normativa.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni: