privacy
Home / Lavoro / Bisogna dichiarare la disabilità nel curriculum?
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Bisogna dichiarare la disabilità nel curriculum?

Bisogna dichiarare la disabilità sul curriculum? Vediamo in questo post se e quando può essere opportuno dichiarare la propria disabilità nel Cv. Partendo però da un presupposto: la legge non prevede un obbligo.

di Redazione

Giugno 2024

Bisogna dichiarare la disabilità nel curriculum? Diciamo subito: non c’è un obbligo. Ma è anche vero che in alcuni casi l’omissione del dato sensibile può causare dei vuoti all’interno del Cv che dovrebbero poi, eventualmente essere giustificati. In questo post vediamo come è preferibile comportarsi. (scopri le ultime notizie su lavoro, disoccupazione, offerte di lavoro e concorsi attivi. Ricevi le news gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Bisogna dichiarare la disabilità nel curriculum? Sì o no

Non è obbligatorio dichiarare la disabilità nel curriculum. La mancata inclusione di queste informazioni può però. talvolta. creare lacune e il datore di lavoro potrebbe chiedere ulteriori informazioni durante il processo di selezione lavorativa.

Pro e contro nella dichiarazione della disabilità

La decisione di rendere nota la propria disabilità dipende da numerosi fattori. Sono compresi anche il tipo di lavoro e la posizione desiderata. Qui di seguito, verifichiamo le situazioni in cui potrebbe essere vantaggioso indicare la propria disabilità:

La legge n. 68 del 1999 identifica come categorie protette le persone in situazioni di svantaggio sociale o sanitario, che necessitano di supporto per l’inserimento lavorativo.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Dove inserire la disabilità nel CV

È importante il posizionamento dell’informazione relativa alla disabilità nel curriculum e deve essere considerato attentamente.

Posizione ideale per la dichiarazione

La disabilità può essere indicata:

È importante specificare la natura della disabilità, che sia una invalidità civile o legata all’Articolo 18, per permettere ai potenziali datori di lavoro di comprendere il contesto.

Dettagli da includere

Ogni candidato ha la libertà di decidere quali dettagli includere, come:

Questi dati, nel pieno rispetto della privacy, possono essere richiesti dalle aziende per valutare adeguatamente la candidatura.

Perché è meglio inserire la disabilità

Esaminiamo le ragioni per cui può essere vantaggioso dichiarare la disabilità nel curriculum.

Vantaggi della dichiarazione di disabilità

Dichiarare la disabilità può apportare diversi benefici:

La trasparenza nella dichiarazione permette alle aziende di considerare tutti gli aspetti della candidatura nel rispetto della legge e delle politiche interne sull’inclusione.

CV per categorie protette: cosa scrivere

Quando si redige un curriculum per una persona appartenente alle categorie protette, è essenziale considerare alcuni aspetti specifici.

Contenuti del curriculum per categorie protette

Il CV deve essere strutturato come qualsiasi altro, includendo:

Dichiarazione della disabilità

Posizione della dichiarazione nel CV

La disabilità dovrebbe essere menzionata all’inizio del CV, nelle informazioni personali, con una dicitura chiara come “Appartenente alle categorie protette secondo la legge 68 del 1999, con un grado di invalidità del [percentuale]“. Questa informazione può essere rinforzata alla fine del CV con una nota come “Iscritto all’elenco del Collocamento Obbligatorio dal [data]”.

Richiesta di documentazione aggiuntiva

Le aziende possono richiedere una copia del certificato di iscrizione al collocamento mirato, che viene rilasciato senza dettagli diagnostici per proteggere la privacy.

Il curriculum deve essere chiaro, conciso e facilmente leggibile, seguendo le migliori pratiche di presentazione come l’uso di un font leggibile e mantenendo la lunghezza massima consigliata di due pagine.

Esempio Curriculum Vitae per categorie protette

Fornire un esempio pratico può aiutare a comprendere meglio come strutturare un curriculum per persone appartenenti alle categorie protette.

Template di Curriculum Vitae

Ecco un modello base che puoi utilizzare per la stesura del tuo CV:

Informazioni personali

Dichiarazione di appartenenza

Breve presentazione

Esperienze lavorative

Istruzione

Competenze

Certificazioni

Iscrizione a elenchi speciali

Considerazioni finali

Assicurati che il tuo curriculum sia organizzato in modo logico e cronologico inverso, utilizzando un’interlinea di 1,15 e margini di 2,5 cm per lato. Opta per un design chiaro e una formattazione che faciliti la lettura, evitando di superare le due pagine di lunghezza.

Bisogna dichiarare la disabilità sul curriculum?
Nell’immagine una donna in difficoltà durante un colloquio di lavoro: non sa se dichiarare la sua disabilità.

FAQ (domande e risposte)

Bisogna dichiarare la disabilità sul curriculum vitae?

Dichiarare la disabilità sul curriculum vitae non è obbligatorio per legge. Tuttavia, ci possono essere situazioni in cui l’omissione di questa informazione può causare incertezze o vuoti nel curriculum che potrebbero dover essere spiegati successivamente. La decisione di includere tali informazioni spesso dipende dalle circostanze specifiche legate all’ambiente lavorativo e alla natura del lavoro.

Quali vantaggi offre dichiarare la disabilità nel CV?

Dichiarare la disabilità può offrire diversi vantaggi:

Dove inserire la disabilità nel curriculum vitae?

La disabilità può essere indicata nel curriculum vitae in diversi modi:

È obbligatorio inserire la disabilità nel CV per le categorie protette?

Per le persone appartenenti alle categorie protette, non è obbligatorio per legge dichiarare la disabilità nel curriculum. Tuttavia, se si sta rispondendo a un annuncio di lavoro specificamente rivolto alle categorie protette o se si desidera beneficiare delle tutele previste dalla legge, è consigliabile dichiarare tale condizione.

Come influisce la legge n. 68 del 1999 sul CV delle categorie protette?

La legge n. 68 del 1999 riconosce e tutela le persone appartenenti alle categorie protette, considerando le persone in condizioni di svantaggio sociale, personale e sanitario. Questa legge facilita l’integrazione lavorativa attraverso specifiche misure di supporto e obblighi per i datori di lavoro, rendendo fondamentale menzionare la propria condizione nel curriculum per poter accedere a tali benefici.

Perché è importante dichiarare la disabilità quando si applica a lavori mirati?

Dichiarare la disabilità è importante quando si applica a lavori mirati perché:

Ecco i 5 articoli sul lavoro preferiti dagli utenti: