privacy
Home / Lavoro / Bonus mamme lavoratrici: come inviare i dati online
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Bonus mamme lavoratrici: come inviare i dati online

Scopri come inviare i dati online per il Bonus mamme lavoratrici, chi può farlo e cosa accade se non si inoltrano le info.

di Antonio Dello Iaco

Maggio 2024

Come inviare i dati online per il Bonus mamme lavoratrici? Il 6 maggio scorso, l’INPS ha pubblicato un messaggio sui suoi canali ufficiali con il quale ha spiegato la procedura da seguire per le madri già registrate e destinatarie dello sgravio fiscale (scopri le ultime notizie su lavoro, disoccupazione, offerte di lavoro e concorsi attivi. Ricevi le news gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Come inviare i dati online per il Bonus mamme lavoratrici: la procedura

Stando a quanto comunicato dall’INPS, con il messaggio numero 1702 del 6 maggio scorso, le lavoratrici dipendenti con almeno tre figli, di cui uno minore, possono comunicare direttamente all’INPS, e quindi in totale autonomia, i dati per beneficiare dell’esonero contributivo previsto dalla legge di bilancio fino al 2026.

La comunicazione può essere inoltrata già ora in quanto il servizio risulta attivo grazie all’applicativo “Utility Esonero Lavoratrici Madri” raggiungibile dal portale ufficiale dell’Istituto seguendo questa procedura:

Ricorda che per usufruire dei servizi gratuiti di INPS è necessario accedere alla piattaforma con la propria identità digitale di tipo:

All’interno del messaggio si legge che «la lavoratrice interessata a fornire direttamente all’Istituto le informazioni relative ai figli, dopo aver selezionato la voce “Utility Esonero Lavoratrici Madri” in “Elenco domande di sgravio”, può procedere con la dichiarazione degli identificativi, fornendo i codici fiscali o, in via alternativa, laddove non sia in possesso dei codici fiscali, le informazioni anagrafiche dei figli».

Chi può compilare i dati in autonomia?

L’INPS, attraverso la comunicazione di qualche giorno fa, chiarisce che possono avere accesso all’Utility Esonero Lavoratrici Madri solo le mamme lavoratrici già registrate come beneficiarie del Bonus.

Tecnicamente quindi, si tratta di quelle persone per le quali, negli archivi INPS, ci sono i flussi di denuncia Uniemens collegati in cui il datore di lavoro, pur avendo esposto l’esonero spettante con gli appositi codici di conguaglio indicati nella circolare n. 27/2024, non abbia indicato i codici fiscali dei figli.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Inviare i dati del Bonus mamme: le scadenze

Per non perdere il diritto a ricevere l’incentivo bisogna rispettare i tempi previsti dalla normativa che si articolano in:

Per meglio comprendere la questione tempistiche e scadenze, facciamo qualche esempio pratico riportando quelli pubblicati sul sito INPS ufficiale.

Cosa accade in caso di mancato invio?

Il mancato invio dei dati comporterà la revoca del Bonus. Le lavoratrici a tempo indeterminato, sia pubbliche che private, possono comunicare al datore di lavoro il desiderio di usufruire dell’esonero, indicando il numero e i codici fiscali dei figli.

La fruizione dell’esonero quindi, non richiede una domanda specifica all’INPS ma una comunicazione al datore di lavoro.

In assenza di codici fiscali nei flussi Uniemens, le lavoratrici possono usare l’applicativo per fornirli direttamente. La mancata comunicazione entro sette mesi porta alla revoca del beneficio.

Chi sono i beneficiari del 2024?

Per il 2024 il Bonus è stato esteso anche ad altre categorie di beneficiari. L’incentivo, che consiste in un esonero contributivo, lo potranno ricevere le mamme che hanno:

Bonus mamme lavoratrici: come inviare i dati online
L’immagine rappresenta una delle beneficiarie dell’incentivo – come inviare i dati online per il Bonus mamme lavoratrici

FAQ sul Bonus mamma

Cos’è il Bonus mamma?

Il Bonus mamma è un vantaggio finanziario fornito dal governo per supportare le mamme lavoratrici. Questo beneficio consiste in una riduzione dei contributi previdenziali che le mamme devono pagare. L’obiettivo è aiutare le famiglie a gestire meglio le spese, soprattutto quelle legate all’educazione e al benessere dei bambini.

Come si fa a richiedere il Bonus mamma?

Per richiedere il Bonus mamma, devi accedere al sito dell’INPS e utilizzare una specifica applicazione chiamata “Utility Esonero Lavoratrici Madri”. Per fare ciò, devi autenticarti sul sito con le tue credenziali digitali.

Una volta entrata nell’applicazione, dovrai fornire alcuni dati personali e informazioni sui tuoi figli. Seguire le istruzioni fornite dall’applicativo è fondamentale per assicurarsi di compilare correttamente tutte le informazioni necessarie.

Cosa succede se non mando le informazioni per il Bonus mamma?

Se non invii le informazioni richieste dall’INPS entro i termini specificati, perderai il diritto a ricevere la riduzione contributiva.

Questa regola è stata stabilita per garantire che tutti coloro che ricevono il bonus siano effettivamente qualificati e per prevenire abusi del sistema. È quindi cruciale rispettare le scadenze e assicurarsi di inviare tutti i dati necessari per mantenere l’esonero dai contributi.

Ecco i 5 articoli sul lavoro preferiti dagli utenti: