privacy
Home / Pensioni » Lavoro / Ex Bonus Renzi e Ape Sociale
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Ex Bonus Renzi e Ape Sociale

Scopriamo nell'articolo se l'ex Bonus Renzi e Ape Sociale sono due misure compatibili e se si ricevono in automatico insieme.

di Antonio Dello Iaco

Dicembre 2023

Ex Bonus Renzi e Ape Sociale sono due misure compatibili? Rispondiamo insieme a questa domanda che molti di voi lettori ci avete posto (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Ex Bonus Renzi e Ape sociale: sono compatibili?

L’ex Bonus Renzi e l’Ape Sociale sono due sussidi del tutto compatibili. Chi infatti riceve il secondo sussidio ha diritto anche al trattamento integrativo mensile, che va fino a un massimo di 1200 euro all’anno.

Ricorda che, per ricevere anche il Bonus Irpef (ex Bonus Renzi ndr), bisogna in ogni caso rispettare i requisiti previsti dalla legislazione nazionale in materia.

Ex Bonus Renzi: cos’è e a chi spetta

Questa agevolazione fiscale è di tipo mensile ed è destinata ai lavoratori dipendenti e ai disoccupati in regime di indennità Naspi, ai disoccupati in regime Dis-Coll e ai disoccupati agricoli.

Si traduce come un trattamento integrativo che, dopo le ultime riforme, è salito a 100 euro al mese rispetto agli originari 80. Il versamento del sussidio avviene in automatico sulla busta paga del lavoratore o della lavoratrice titolare.

Per i disoccupati invece, il trattamento Irpef viene caricato insieme alla mensilità del sussidio che si riceve ogni mese come la Naspi o la Dis-Coll. La misura integrativa può essere accreditata anche con la modalità del conguaglio a fine anno.

Spetta infatti ai contribuenti decidere se il sussidio economico va corrisposto mensilmente, a fine anno o tramite le detrazioni nella dichiarazione dei redditi.

Quanto vale il Bonus Renzi?

Il Bonus Renzi, come abbiamo detto nei paragrafi precedenti, ha un valore che arriva fino a 1200 euro all’anno. Si traduce quindi in un assegno di massimo cento euro al mese.

Tuttavia, questo importo è riservato solo ai beneficiari che hanno un reddito entro i 15mila euro all’anno. Coloro che invece hanno un reddito che va dai 15mila ai 28mila euro, possono accedere al sussidio solo se la somma delle seguenti detrazioni supera l’imposta lorda:

Le persone che hanno un reddito oltre i 28mila euro non hanno diritto ad alcun trattamento integrativo.

Ape Sociale: cos’è e a chi spetta?

L’Ape Sociale è un trattamento previdenziale che prevede la possibilità di accedere in anticipo alla pensione. Questo servizio è erogato al presentarsi di determinati benefici quali l’aver compiuto almeno 63 anni e il non essere già titolari di pensione diretta, sia in Italia, sia all’estero.

La misura non si rivolge a tutti ma soltanto ai cittadini che hanno almeno 30 anni di anzianità contributiva e rientrano nelle seguenti categorie:

La scadenza dell’Ape Sociale era prevista per il 31 dicembre 2023. Il Governo Meloni però, almeno da quanto si apprende dalla bozza della manovra, ha intenzione di prorogare la validità della misura.

Se scegli di andare in pensione con questo programma anticipato, avrai diritto a un assegno previdenziale mensile pari alla rata della pensione calcolata il giorno della tua uscita dal mondo del lavoro. Il tetto massimo dell’importo è pari ai 1.500 euro lordi e non è una cifra rivalutabile.

PAGAMENTI FINE NOVEMBRE e INIZIO DICEMBRE

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Ape Sociale: si cambia dal 2024

Parlando di Ape Sociale non possiamo non riportare le importanti modifiche che entreranno in vigore dal prossimo 1° gennaio. Come dicevamo infatti, l’esecutivo di centrodestra ha scelto di rinnovare la validità dell’Ape Sociale anche per il 2024.

Tuttavia saranno introdotti alcuni cambiamenti radicali. Leggendo la bozza del testo della manovra si apprende che:

Ex Bonus Renzi e Ape Sociale
L’immagine rappresenta due beneficiari dell’Ex Bonus Renzi e Ape Sociale

FAQ sull’ex Bonus Renzi e Ape Sociale

Come si presenta la domanda per l’Ape Sociale?

Se ritieni di essere idoneo per l’Ape Sociale, puoi presentare una domanda seguendo alcune fasi specifiche. Inizialmente, dovrai compilare un’apposita domanda, fornendo informazioni dettagliate sulla tua situazione finanziaria e personale.

Successivamente, dovrai sottoporre la domanda agli uffici competenti, che esamineranno la tua richiesta e valuteranno la tua idoneità. Questo passaggio, visto che la procedura di richiesta viene fatta online, è automatizzato.

Assicurati poi di preparare accuratamente tutta la documentazione necessaria e di seguire attentamente la procedura per aumentare le tue possibilità di ottenere l’Ape Sociale.

Quali documenti devo presentare con la domanda per l’Ape Sociale?

La presentazione della domanda per l’Ape Sociale richiede la compilazione di documenti e informazioni specifiche. Dovrai fornire documenti che attestino la tua situazione economica, certificati medici in caso di motivi di salute, e qualsiasi altra documentazione richiesta dagli uffici previdenziali.

Fai attenzione a raccogliere tutti i documenti necessari prima di presentare la tua domanda per agevolare il processo di valutazione.

Quali sono i tempi per ottenere l’Ape Sociale

Il sito ufficiale dell’INPS risponde alla domanda sui tempi necessari per l’ottenimento dell’Ape Sociale. Dopo che avrai inoltrato la domanda in via ufficiale, l’ente previdenziale avrà circa trenta giorni di tempo per farti sapere l’eventuale approvazione o rigetto della richiesta di incentivo.

È solo in alcuni casi poi, che la legge può fissare dei termini diversi. Queste situazioni particolari sono elencate in un’apposita tabella predisposta dall’INPS.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni: