privacy
Home / Lavoro » Aziende che assumono » Lavoro e disabilità / Categorie protette Bologna gennaio 2024
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Categorie protette Bologna gennaio 2024

Scopri quali sono le offerte di lavoro per categorie protette a Bologna a gennaio 2024.

di Romina Cardia

Gennaio 2024

In questo articolo ti elenchiamo le offerte di lavoro per categorie protette a Bologna (scopri le offerte di lavoro e i concorsi attivi. Ricevi le news gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Offerte di lavoro per categorie protette a Bologna: il Portale della Provincia

Prima di elencare le offerte di lavoro per categorie protette a Bologna a gennaio 2024, ti informiamo che a partire dal 1° febbraio 2023, le aziende obbligate dalle disposizioni della Legge 68/99 possono presentare le richieste di personale appartenente alle categorie protette (disabili e orfani/vedove di guerra, lavoro e servizio) tramite il portale della Provincia di Bologna.

In passato, le offerte di lavoro per lavoratori disabili erano diffuse attraverso canali tradizionali come annunci affissi negli Uffici e nei Centri per l’Impiego. Gli operatori fornivano supporto ai disoccupati disabili nella scelta delle opportunità.

Grazie alla diffusione del web e delle tecnologie assistive, ora è possibile ampliare il servizio su Internet, agevolando i lavoratori disabili, specialmente coloro con difficoltà motorie o che vivono in luoghi remoti. Questi lavoratori possono consultare le offerte da casa e candidarsi direttamente.

Il portale è stato migliorato con informazioni dettagliate sulle offerte, come orario e luogo di lavoro, accessibilità con mezzi pubblici, tipo di contratto, presenza di barriere architettoniche, fornendo elementi utili per la valutazione.

Il sito viene regolarmente aggiornato con richieste delle aziende, incluse tutte le informazioni necessarie per inviare candidature dirette.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Le offerte per categorie protette a Bologna sul Portale della Provincia

Per iniziare, elenchiamo dunque le offerte di lavoro per categorie protette a Bologna a gennaio 2024 pubblicate sul portale della Provincia:

Profilo ricercatoAziendaLink di approfondimento
Addetto/a alla segreteriaScatolificio Medicinese SRLAvviso
Operaio di manovraC.S.A. Centro Servizi Autocarri S.r.l. (Anzolla dell’EmiliaAvviso
Imballatore di magazzinoBLACK CARBON PAINTING SRL (SAN GIOVANNI IN PERSICETO)Avviso
addetto alle pulizie di interniFLY SPA (Imola)Avviso
Addetti all’accoglienza e all’informazione nelle imprese e negli enti pubbliciDay S.p.A. S.B. (Bologna)Avviso
Addetti a funzioni di segreteriaAzienda non segnalata (Bologna)Avviso
disegnatore tecnicoPRIMAMEC SRL (Argelato))Avviso
trapanista di precisionePROMAMEC SRL (Argelato)Avviso
Personale non qualificato addetto all’imballaggio e al magazzinoSERRAMENTI IAQUINTA SRL (Granarolo dell’Emilia)Avviso
impiegato amministrativoIdross S.p.A. (castel Maggiore)Avviso
addetto al customer service 5125201 addetto alla vendita telefonica di beni e serviziALLEANZA LUCE E GAS S.p.A. (Bologna)Avviso
veterinarioANICURA ITALY HOLDING S.R.L (Zola Predosa)Avviso
addetto al customer serviceANICURA ITALY HOLDING S.R.L. (Zola Predosa)Avviso
Addetti a funzioni di segreteria gestione del centralinoAzienda non segnalata (Dozza)Avviso
operatore macchine finitura topCarbopress (sant’Agata Bolognese)Avviso
elettricista di distribuzionePLUSLINE S.R.L. (Zola Predosa)Avviso
Addetti a funzioni di segreteriaMYAPPFREE S.P.A. (Imola)Avviso
manovale all’assemblaggio elettricoEXEL SRL UNIPERSONALE (Bologna)Avviso
impiegato amministrativoEXEL SRL UNIPERSONALE (Bologna)Avviso
banconiere di tavola caldaSally S.r.l. (Casalecchio di Reno)Avviso
Tabella con le offerte di lavoro per categorie protette a Bologna a gennaio 2023 pubblicate sul Portale della Provincia.

Ecco le offerte per le categorie protette nel Lazio a gennaio 2024 e come funziona l’assunzione delle persone disabili.

Altre offerte di lavoro per categorie protette a Bologna a gennaio 2024

Quelle sotto in tabella, sono altre offerte per categorie protette a Bologna a gennaio 2024 che abbiamo individuato per te:

Profilo ricercatoAzienda o Agenzia al quale è stata affidata la selezione del personale da parte dell’aziendaLink di approfondimento
ReceptionistKelly ItaliaAvviso
Addetto/a Risorse UmaneManpowerGroupAvviso
Addetto/a Call Center assicurativoManpowerGroupAvviso
Receptionist part-timeLavoropiù S.p.a.Avviso
Impiegato/a HR SUPPORTLavoropiù S.p.a.Avviso
Impiegato amministrativoUmana spaAvviso
Addetto/a all’assistenza passeggeriSeltis Hub D&IAvviso
Sales AssistantVenchi spaAvviso
Impiegato/a ITLavoropiù S.p.a.Avviso
customer serviceUmana spaAvviso
ADDETTO/A AL PARCHEGGIOSeltis Hub D&IAvviso
Operatore telemarketingSalcomAvviso
Addetto/a alla Vendita & Servizio Clienti Part-TimeIKEA (Casalecchio sul Reno)Avviso
Addetto/a alla Vendita & Servizio Clienti Part-TimeIKEA (Bologna)Avviso
Impiegato logistico DHLUmana spaAvviso
impiegato di magazzinoUmana spaAvviso
PROJECT MANAGER JUNIORSeltis Hub D&IAvviso
impiegato/a back office commercialeAli SpaAvviso
Contabile ciclo passivoManpowerAvviso
Product engineering specialistLavoropiù S.p.a.Avviso
BARISTAPercassiAvviso
ADDETTO/A FRONT OFFICESTAFF SPAAvviso
Personale HotellerieManpowerGroupAvviso
Addetta/o alle vendite – centro commerciale Gran RenoCapello Point SPAAvviso
Junior Claims SpecialistPage PersonnelAvviso
Operatore di puliziePapalini S.p.A.Avviso
Addetto/a LogisticaPizzoli S.p.A.Avviso
Tabella con le offerte di lavoro per categorie protette a Bologna a gennaio 2024

Quali sono le categorie protette L. 68/99

Dopo averti mostrato quali sono le offerte di lavoro per categorie protette a Bologna a gennaio 2024, ricordiamo quali sono le categorie protette e a cosa hanno diritto.

Rientrano nelle categorie protette Legge 68/1999 le seguenti persone:

Ecco quali sono i diritti dei lavoratori invalidi e cosa rischiano i datori di lavoro se non assolvono ai propri obblighi e non li rispettano.

Cos’è il collocamento mirato

La Legge 12 marzo 1999, n. 68 ha introdotto le procedure di collocamento mirato, ovvero una serie di strumenti che tutelano i soggetti portatori di disabilità.

In particolare, gli strumenti di collocamento mirato permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto di lavoro adatto attraverso una serie di analisi valutative.

In Italia, i servizi di collocamento mirato sono erogati dai Centri per l’Impiego tramite apposite liste.

Scopri la procedura per collocamento mirato e accertamento della disabilità e come trovare più facilmente lavoro.

Come ci si iscrive

La lista di collocamento mirato è un elenco pubblico con i nominativi delle persone disabili e appartenenti alle categorie protette ordinate secondo una graduatoria, dalla quale vengono scelte le persone per le assunzioni obbligatorie.

In particolare, per iscriversi alla lista collocamento mirato delle categorie protette e accedere ai relativi servizi è necessario:

Qual è la percentuale di lavoratori disabili da assumere per legge? Vediamo insieme come funziona il collocamento obbligatorio e i doveri del datore di lavoro.

La quota di riserva

Le aziende, sia pubbliche che private, devono rispettare precise regole riguardo all’assunzione di persone disabili.

La quantità di lavoratori disabili da assumere dipende dalle dimensioni dell’azienda. Nel calcolo dei dipendenti, non vengono considerati coloro che sono già stati collocati per legge a causa della loro disabilità. Le quote di riserva sono le seguenti:

Le recenti modifiche normative estendono l’obbligo di collocamento obbligatorio anche alle persone con ridotta capacità lavorativa (meno di un terzo), sia per disabilità fisica che mentale.

Prima, inoltre, partiti, sindacati ed enti senza scopo di lucro erano esentati dalle quote, ma ora sono tenuti a rispettarle.

È possibile includere nel calcolo i lavoratori già disabili prima dell’assunzione, con una riduzione della capacità lavorativa significativa.

categorie protette a Bologna
Categorie protette a Bologna. Nella foto: lente di ingrandimento su offerte di lavoro in un giornale.

Modalità di assunzione

In passato, con la legge del 12 marzo 1999, la chiamata nominativa era limitata alle aziende con un numero specifico di dipendenti.

Ora, tutte le assunzioni possono avvenire attraverso questa modalità. Nel caso in cui un’azienda non effettui una chiamata nominativa, il Centro per l’impiego provvederà a selezionare le unità mancanti dalle liste di collocamento.

È ancora obbligatorio per le aziende comunicare, entro il 31 gennaio di ogni anno, il numero totale dei dipendenti, i nominativi computabili nelle quote di riserva e le posizioni occupabili dai lavoratori disabili.

Dopo l’entrata in vigore dell’obbligo di assunzione, un’azienda ha 60 giorni per inviare una richiesta di assunzione agli uffici competenti.

Le aziende possono offrire opportunità di lavoro alle categorie protette attraverso diverse modalità, tra cui stage, contratti a tempo determinato di almeno 6 mesi, contratti in somministrazione con durata minima di 12 mesi, contratti di staff leasing, contratti a tempo indeterminato e tramite cooperative sociali di tipo B.

Categorie protette e sgravi fiscali: ecco una guida completa e di facile consultazione sugli sgravi fiscali concessi alle aziende che assumono le categorie protette.

Trattamento economico e orario di lavoro per le categorie protette

I lavoratori assunti nella quota di riserva seguono le regole economiche e normative stabilite dalla legge e dai contratti collettivi, valide per tutti i dipendenti. Tuttavia, hanno il diritto di chiedere un adeguamento delle condizioni alle loro mansioni.

Per quanto riguarda l’orario di lavoro, può essere ridotto grazie alla Legge 104/92, che offre protezioni e agevolazioni ai lavoratori disabili.

Questi possono richiedere permessi retribuiti in base al tipo di disabilità:

È anche possibile il trasferimento a un’altra sede lavorativa, se fattibile, per agevolare gli spostamenti del lavoratore disabile dalla sua dimora al luogo di lavoro.

Legge 104, tutti i requisiti per il trasferimento di sede, come chiederlo, quando è possibile e come funziona? Cosa dice la legge, cosa hanno disposto le sentenze, quali sono i diritti del lavoratore e quelli delle aziende e delle amministrazioni. Quando si può accedere al diritto di precedenza.

Sanzioni e incentivi per le aziende con obbligo di assunzione

Il datore di lavoro che non assume rischia sanzioni di 62,77 euro al giorno. Tuttavia, ha diritto anche a incentivi alle aziende per l’assunzione delle categorie protette: basta chiederli direttamente all’INPS e saranno corrisposti con un conguaglio sulle contribuzioni mensili.

L’importo degli incentivi dipende dall’imponibile previdenziale, che varia in base al grado di invalidità del dipendente.

Dal 2015, il periodo per usufruire degli incentivi per l’assunzione di persone con disabilità psichica e intellettiva è stato esteso a 5 anni.

FAQ sulle categorie protette

Come ci si iscrive alle categorie protette?

Per iscriverti alle categorie protette devi rivolgerti al Centro per l’impiego del tuo territorio. È indispensabile avere con sé un documento che attesti almeno il 46% di invalidità. La percentuale di invalidità viene stabilita da una Commissione sanitaria dell’ASL (che include medici dell’azienda sanitaria e uno dell’INPS) che effettua una visita alla persona con disabilità.

Quali sono i vantaggi previsti dalla Legge 68/99 per l’assunzione delle categorie protette?

I cittadini che rientrano nelle categorie di persone con disabilità possono usufruire di vantaggi che agevolano il loro inserimento nel mondo del lavoro. È stato, infatti, implementato un sistema che valuta le capacità lavorative di tali individui, al fine di assegnarli a mansioni adeguate al loro grado di invalidità.

Che cos’è il collocamento mirato?

Il collocamento mirato è rappresentato da una serie di strumenti tecnici e di supporto che consentono di valutare adeguatamente le persone in base alle loro capacità lavorative al fine di inserirle nel posto di lavoro più adatto con forme di sostegno, analisi del lavoro e soluzioni dei problemi connessi agli ambienti lavorativi (Legge 68/99). Per essere inserito nelle liste di collocamento mirato devi appartenere alle categorie protette.

Una volta effettuata l’scrizione alle categorie protette e al collocamento mirato, hai la possibilità di essere assunto nelle quote di riserva delle aziende pubbliche e private e di partecipare a concorsi pubblici per categorie protette.

Quali sono le categorie protette definite nell’articolo 1?

L’articolo 1 stabilisce una serie di categorie protette, che includono persone con disabilità, vittime di discriminazione, lavoratori con malattie croniche o invalidità, ex detenuti e molti altri. L’obiettivo principale è assicurare che queste persone abbiano pari opportunità di accesso al lavoro e siano tutelate da eventuali discriminazioni.

Cosa dice l’articolo 18 sulle categorie protette?

L’articolo 18 della legge italiana riguarda la tutela dei lavoratori e prevede specifiche garanzie per le categorie protette. In particolare, questo articolo sancisce che i datori di lavoro non possono licenziare un lavoratore protetto senza una giusta causa, offrendo così una maggiore sicurezza occupazionale a queste persone.

Quali sono le offerte di lavoro per le categorie protette?

Le offerte di lavoro per le categorie protette sono posizioni lavorative riservate esclusivamente a persone appartenenti a tali categorie. Queste offerte mirano a promuovere l’inclusione sociale e l’occupazione di individui che potrebbero incontrare maggiori difficoltà nel trovare lavoro a causa delle loro specifiche condizioni personali o di salute.

Quali sono gli svantaggi delle categorie protette?

Gli svantaggi delle categorie protette possono riguardare la percezione negativa da parte di alcuni datori di lavoro, che potrebbero essere riluttanti ad assumere persone con determinate caratteristiche personali o di salute. Questa situazione può portare a una maggiore difficoltà nel trovare lavoro per le persone appartenenti a queste categorie. Tuttavia, è importante sottolineare che gli svantaggi sono superabili e che esistono normative e programmi volti a favorire l’occupazione di queste persone e a garantire la loro piena integrazione nella società lavorativa.

Ecco alcune delle aziende che assumono in questi mesi: