privacy
Home / Lavoro e disabilità » Concorsi Pubblici / Categorie protette esercito
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Categorie protette esercito

Scopri cosa prevede la normativa italiana sul tema delle categorie protette ed esercito e quali sono gli obblighi per le PA.

di Antonio Dello Iaco

Dicembre 2023

Categorie protette ed esercito: è possibile per chi è iscritto alle categorie protette, essere assunto dal Ministero della Difesa? Scopriamolo insieme e capiamo anche cosa succede ai parenti di chi diventa disabile durante lo svolgimento del servizio presso l’Esercito italiano (scopri le ultime notizie su lavoro, disoccupazione, offerte di lavoro e concorsi attivi. Ricevi le news gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Categorie protette ed esercito: sono previste assunzioni?

Chi è iscritto alle categorie protette può lavorare nell’esercito italiano senza problemi. Ovviamente la scelta del ruolo dipende dalla sua condizione psicologica e fisica.

Chi vuole essere assunto come dipendente dell’esercito nazionale deve infatti rispettare, tra i vari parametri, quello del possesso di tutti i requisiti minimi fisici, psicologici e attitudinali in base al ruolo che vuole svolgere.

Questo, facendo un esempio pratico, preclude l’accesso a una persona in sedia a rotelle, per esempio, al reclutamento come volontario in ferma prefissata iniziale (VFI). Per questo ruolo infatti bisogna superare delle prove fisiche definite che prevedono esercizi:

Le figure professionali che collaborano con l’esercito italiano però non sono solo i soldati. Il personale civile e militare che collabora in questo settore è tanto e ricopre numerosi settori.

Obblighi sul rispetto della riserva di posti anche per l’esercito

Le assunzioni tra le fila dell’esercito italiano vengono gestite dal Ministero della Difesa, dicastero dal quale dipende questa realtà. Come tutte le pubbliche amministrazioni, anche l’ente di via Venti Settembre deve rispettare le “quote di riserva“, introdotte con la legge numero 68 del 1999.

Per “quota di riserva” si intende l’obbligo di assumere un certo numero di lavoratori e lavoratrici iscritti alle categorie protette, in proporzione al totale dei dipendenti. Questo dovere prevede la contrattualizzazione di:

In questo provvedimento legislativo si possono poi anche notare altre quote di riserva per i cittadini e le cittadine non disabili. Queste sono riservate a chi appartiene ai gruppi tutelati e si trova in situazioni di svantaggio o di disagio sociale. La legge 68/99 introduce quindi l’obbligo di assumere:

A confermare che anche il Ministero della Difesa deve seguire queste prescrizioni, lo dice proprio il sito ufficiale del dicastero affermando che «il Ministero della Difesa, così come previsto dalla normativa e come ogni altra Pubblica Amministrazione, è tenuto ad assumere tali categorie, tenendo conto delle carenze e degli esuberi esistenti negli enti dislocati nelle varie province sul territorio nazionale e della programmazione triennale del fabbisogno di personale». 

Assumere le categorie protette: un obbligo anche per le imprese

Le norme introdotte dalle legge che regolamenta il personale protetto sul posto di lavoro non si rivolgono solo agli enti pubblici. Anche le imprese e tutte le realtà private hanno l’obbligo di rispettare le quote di riserva.

La legge pone inoltre l’obbligo, a carico dei datori di lavoro pubblici e non, di inviare ogni anno, tramite il sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, un prospetto informativo con la situazione aggiornata al 31 dicembre:

Categorie protette: chi sono?

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Cosa succede a chi diventa disabile lavorando nell’esercito

Che succede se mentre presto servizio all’esercito italiano divento diversamente abile? A rispondere a questa domanda ci pensa l’articolo numero 705 del codice dell’ordinamento militare.

Sul sito esercito.difesa.it, parlando del tema, si legge che «la legislazione vigente prevede, per i congiunti del personale dell’Esercito italiano, della Marina militare e dell’Aeronautica militare, deceduti o divenuti permanentemente inabili al servizio militare con invalidità non inferiore all’ottanta per cento…l’immissione diretta nella categoria dei Graduati dell’Esercito, della Marina e dell’Aeronautica con il grado di:

Secondo quanto riporta il portale ministeriale, «questo passaggio di ruolo avverrà senza la partecipazione a una procedura concorsuale pubblica ma previo il solo accertamento del possesso dei requisiti psico-fisici, attitudinali e di moralità e condotta previsti dalla legge nonché a seguito del superamento di un apposito corso formativo, propedeutico all’immissione in ruolo».

I congiunti dei deceduti o di chi diventa permanentemente inabile tra i lavoratori della Difesa, possono essere assunti solo se le condizioni dei loro familiari sono state create «per effetto di eventi connessi allo svolgimento di missioni internazionali di pace o attività operative», come disciplinato dal D.M. del 21 novembre 2003.

Quali requisiti bisogna possedere?

Per accedere a questo beneficio, i congiunti dei deceduti o di coloro che sono diventati permanentemente inabili devono rispettare i seguenti requisiti:

Per quanto riguarda invece i tatuaggi si legge che «se sono lesivi del decoro dell’uniforme o della dignità della condizione del militare di cui al regolamento, costituiscono causa di esclusione dalla procedura».

Categorie protette esercito
L’immagine rappresenta idealmente i temi “categorie protette ed esercito” trattati nell’articolo.

FAQ sulle categorie protette nell’esercito

Chi appartiene alle categorie protette?

Per la legge italiana possono appartenere ai gruppi tutelati una serie di persone quali:

Come si calcola la “quota di riserva” per imprese e PA?

La quota di riserva prevede un numero minimo e obbligatorio di assunzioni di persone iscritte alle categorie protette che gli enti pubblici e le aziende private devono svolgere sulla base di una totalità di dipendenti assunti quali:

Come iscriversi alle categorie protette?

lavoratori e i cittadini che posseggono tutti i requisiti previsti per l’iscrizione agli elenchi del personale protetto, possono recarsi presso il Centro per l’impiego territoriale più vicino e compilare l’apposito modulo di domanda per iscriversi agli elenchi dedicati.

Ecco i 5 articoli sul lavoro preferiti dagli utenti: