privacy
Home / Lavoro / Concorsi per giovani, InPa su smartphone
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Concorsi per giovani, InPa su smartphone

Concorsi per giovani, l’app InPa è ora accessibile anche su smartphone. Si tratta di una porta d’accesso per i bandi della pubblica amministrazione. Il governo ci punta molto per incentivare il reclutamento di dipendenti e spingere più giovani a partecipare. Vediamo come funziona.

di Redazione

Gennaio 2024

Concorsi per giovani: ora è possibile avere accesso sull’app InPa anche dallo smartphone. La versione per telefonini è stata rilasciata dal dipartimento della Funzione pubblica. Una nuova porta d’accesso per i bandi della pubblica amministrazione. Vediamo come funzionano. (scopri le ultime notizie su lavoro, disoccupazione, offerte di lavoro e concorsi attivi. Ricevi le news gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Concorsi pubblici, 13mila bandi

Ci sono 13 mila bandi disponibili sulla piattaforma InPa, un numero imponente, che testimonia l’ampio ventaglio di possibilità offerte ai giovani in cerca di un impiego nella pubblica amministrazione.

InPa, una piattaforma ricca e diversificata

Su InPa non troverai solo un elenco di bandi, ma un vero hub che collega aspiranti professionisti e opportunità di lavoro nel settore pubblico. Con oltre 7 milioni di profili professionali registrati, l’app InPa è un importante strumento sia per i candidati che cercano lavoro, sia per gli enti pubblici alla ricerca di nuovi talenti.

Integrazione con LinkedIn

Un elemento distintivo di questa piattaforma è la sua integrazione con LinkedIn Italia, che vanta 16 milioni di utenti. Questa connessione consente di estendere ulteriormente il perimetro di ricerca e di sfruttare le opportunità di networking. Gli aspiranti candidati possono così sfruttare le loro connessioni professionali e i loro profili LinkedIn per accedere a un mercato del lavoro più ampio e diversificato.

Obiettivo: aumentare la partecipazione dei giovani

Il fine ultimo di questa vasta rete di bandi è quello di incrementare la partecipazione dei giovani al mondo del lavoro pubblico. In un’epoca in cui le competenze digitali e la freschezza innovativa dei giovani sono sempre più richieste, questo sforzo punta a rinnovare e rivitalizzare la pubblica amministrazione con nuove energie e idee.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Concorsi per giovani: come funzionerà InPa?

L’app InPa rappresenta dunque un punto di svolta nel modo in cui i giovani possono accedere ai concorsi nella pubblica amministrazione. Vediamo in dettaglio come funziona InPa, un’applicazione, lo ricordiamo, progettata per semplificare e rendere più efficiente il processo di candidatura.

Accesso facilitato tramite app

Una volta scaricata l’app sullo smartphone, gli utenti hanno due modalità di accesso:

  1. Come ospite: permette di navigare nell’app senza la necessità di creare un account.
  2. Come utente registrato: richiede la registrazione e offre funzionalità aggiuntive.

L’accesso come utente registrato offre il vantaggio dell’autenticazione digitale, che apre le porte a una serie di funzioni personalizzate.

Dopo l’accesso, l’utente entra in un’area dedicata dove può:

Questa mappa interattiva è una caratteristica fondamentale dell’app, permettendo agli utenti di avere una visione chiara delle opportunità disponibili in diverse aree geografiche.

Attrattività per i giovani

Basterà questa app per invogliare i giovani a lavorare in un settore, come quello della pubblica amministrazione, che negli ultimi anni sembra avere perso molta attrattiva? L’obiettivo di InPa è di rivoluzionare questa percezione, rendendo la pubblica amministrazione un ambito di lavoro desiderabile e accessibile.

Sfide passate e presenti

Per quasi un quindicennio, il settore pubblico è stato visto come un “fardello” a causa di:

Questi fattori hanno contribuito a creare una pubblica amministrazione anziana e con organici ridotti. L’introduzione di InPa mira a contrastare questi problemi, incentivando un nuovo ricambio generazionale.

Rinnovamento generazionale

Con un’età media dei dipendenti di circa 50 anni, il settore pubblico si trova di fronte a una grande opportunità di rinnovamento. L’app InPa potrebbe avere un ruolo chiave in questo processo, facilitando l’ingresso di giovani talenti e contribuendo a ridurre il divario generazionale.

Concorsi per giovani e dipendenti vicini alla pensione

Come accennato un numero crescente di dipendenti pubblici si avvicina all’età della pensione, si apre quindi la strada per un radicale ricambio generazionale. Questo scenario offre una chance inedita ai giovani che aspirano a entrare nel mondo del lavoro pubblico.

Il peso del Pnrr e la missione del rinnovamento

La necessità di un rinnovamento è stata ulteriormente evidenziata dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Ha messo in luce la necessità di una forza lavoro più giovane e dinamica nella pubblica amministrazione. In questo contesto, lo stesso ministro della Pa, Zangrillo, hanno deciso che una delle mission del suo dicastero è proprio quella di rendere più attrattivo per le nuove generazioni il settore pubblico.

Demografia dei dipendenti pubblici

Attualmente, solo un piccolo segmento di dipendenti pubblici, poco più del 5%, rientra nella fascia d’età tra i 30 e i 34 anni. La maggioranza dei lavoratori è compreso in una fascia d’età più avanzata, tra i 55 e i 59 anni, rappresentando oltre il 20% del totale. Questa distribuzione dell’età indica chiaramente la necessità di un ricambio generazionale. Anche imminente.

Opportunità per il ricambio generazionale

Ogni anno, più di 150 mila dipendenti pubblici lasciano il lavoro per raggiunti limiti di età, creando un ampio spazio per i candidati. Si prevede che il 2023 si chiuderà con 173 mila nuove assunzioni, un numero che si sarà replicato anche nei prossimi anni.

L’importanza della riforma e dell’innovazione

Questa situazione evidenzia l’importanza di una riforma che non solo apra le porte ai giovani, ma che renda il settore pubblico un ambiente lavorativo al passo con i tempi, attraente e stimolante. In questo scenario, strumenti come l’app InPa hanno un ruolo determinante nel facilitare l’accesso ai concorsi per i giovani e nel promuovere un ambiente di lavoro più dinamico e innovativo.

La Riforma dei concorsi pubblici

La riforma dei concorsi pubblici si focalizzata sull’innovazione e sull’efficienza, introducendo cambiamenti radicali che mirano a rendere i concorsi più accessibili e attraenti per i giovani.

Digitalizzazione e velocità nei concorsi

Un aspetto chiave della riforma è la completa digitalizzazione dei processi di selezione. Questo cambiamento non solo modernizza il sistema, ma lo rende anche più rapido. Secondo la nuova normativa, il tempo dalla pubblicazione del bando fino alle assunzioni non deve superare i sei mesi. Questo aspetto è fondamentale per ridurre l’attesa e l’incertezza che spesso scoraggiano i giovani dal partecipare ai concorsi.

Nuovi percorsi di carriera

La riforma introduce anche importanti innovazioni nei percorsi di carriera all’interno della pubblica amministrazione. Oltre alle tradizionali categorie di operatori, assistenti e funzionari, è stata creata una nuova categoria, una sorta di “area quadri”. Questo nuovo livello offre retribuzioni competitive, fino a 70 mila euro l’anno, e può attrarre profili professionali di alto livello.

Sfide e aspettative

Nonostante questi cambiamenti promettenti, la riforma affronta ancora delle criticità. Per esempio, la nuova “area quadri” non ha ancora raggiunto il successo sperato. Inoltre, i nuovi sistemi di valutazione del merito e delle carriere devono ancora essere pienamente implementati. Questi aspetti sottolineano che, sebbene la strada per attrarre i migliori talenti nella pubblica amministrazione sia stata delineata, molto resta ancora da fare per realizzare appieno questi obiettivi.

In conclusione, la riforma dei concorsi pubblici rappresenta un passo importante verso il rinnovamento del settore pubblico. Con un focus sulla digitalizzazione, la velocità e l’innovazione nei percorsi di carriera, questa riforma ha l’ambizione di trasformare e rinnovare in positivo il settore pubblico.

Concorsi per giovani, InPa su smartphone
Nell’immagine un gruppo di giovani impegnati nelle prove di un concorso pubblico.

FAQ (domande e risposte)

Come accedere ai concorsi per giovani tramite l’app InPa?

Per accedere ai concorsi per giovani tramite l’app InPa, è necessario prima scaricare l’app sullo smartphone. Una volta installata, gli utenti possono accedere in due modi: come ospite o come utente registrato. L’accesso come utente registrato richiede l’autenticazione digitale, che sblocca funzionalità avanzate come la visualizzazione e la candidatura a offerte di lavoro specifiche, organizzate su una mappa interattiva per regione e provincia.

Quanti bandi sono disponibili sulla piattaforma dei concorsi pubblici?

Sulla piattaforma dei concorsi pubblici sono disponibili 13 mila bandi. Questa vasta gamma di annunci riflette la diversità e l’ampiezza delle opportunità offerte nella pubblica amministrazione, rendendola una risorsa preziosa per oltre 7 milioni di profili professionali e per i 16 milioni di iscritti a LinkedIn Italia.

Qual è la funzione principale della nuova app InPa?

La funzione principale dell’app InPa è fornire un accesso facile e diretto ai concorsi pubblici per i giovani. L’app semplifica la ricerca e la candidatura ai concorsi, offrendo una mappa interattiva che permette agli utenti di esplorare le varie offerte di lavoro disponibili, regione per regione e provincia per provincia.

Quali sfide affronta la pubblica amministrazione nell’attrarre giovani?

La pubblica amministrazione affronta diverse sfide nell’attrarre giovani, tra cui la percezione di essere un settore meno attraente e dinamico. La stagnazione dei contratti e il congelamento del turnover, oltre agli stereotipi sui dipendenti pubblici, hanno contribuito a un’immagine negativa. Inoltre, con un’età media dei dipendenti intorno ai 50 anni, la necessità di un ricambio generazionale è evidente.

Come influisce l’età dei dipendenti pubblici sul ricambio generazionale?

L’età elevata dei dipendenti pubblici, con una media di 50 anni, crea un’importante opportunità per il ricambio generazionale. Con oltre 150 mila dipendenti che lasciano il lavoro ogni anno per raggiunti limiti di età, si apre un ampio spazio per nuove assunzioni, permettendo l’ingresso di giovani talenti e l’aggiornamento delle competenze nel settore pubblico.

Quali sono le novità della riforma dei concorsi pubblici?

Le novità della riforma dei concorsi pubblici includono la completa digitalizzazione e accelerazione del processo di selezione, con l’obiettivo di concludere le assunzioni entro sei mesi dalla pubblicazione del bando. Inoltre, è stata introdotta una nuova categoria professionale, l'”area quadri”, con retribuzioni competitive fino a 70 mila euro l’anno, per attrarre profili professionali di alto livello. Tuttavia, ci sono ancora sfide da affrontare, come l’effettiva implementazione dei nuovi sistemi di valutazione e il successo della nuova categoria professionale.

Ecco i 5 articoli sul lavoro preferiti dagli utenti: