privacy
Home / Concorsi Pubblici / Concorso docenti: bando infanzia primarie
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Concorso docenti: bando infanzia primarie

Scopri i dettagli del bando per il concorso per docenti di scuola dell'infanzia e primaria che saranno assunti nel 2024.

di Antonio Dello Iaco

Dicembre 2023

È stato pubblicato il bando per il concorso per docenti della scuola dell’infanzia e della scuola primaria (asilo e scuole elementari ndr). Scopriamo insieme tutti i dettagli del testo di selezione (scopri gli ultimi concorsi attivi e le offerte di lavoro. Ricevi le news gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Bando per il concorso per docenti di asilo e primaria

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM) ha pubblicato il bando per il reclutamento di 9.641 nuovi docenti da destinare alle scuole elementari e dell’infanzia del territorio nazionale. La fase di selezione concreta, quella composta dai test da superare per capirci, si svolgerà ovviamente nel 2024.

I tempi di candidatura sono però stretti. Per inviare la tua istanza di partecipazione al concorso infatti, avrai tempo solo fino al 9 gennaio 2024, poco meno di un mese!

Concorso per 10mila insegnanti: è solo regionale!

Prima di scendere nel dettaglio del bando per l’assunzione di 10mila nuovi insegnanti nelle scuole italiane, è doveroso sottolineare che sarà possibile partecipare solo su base regionale.

Questo vuol dire che i candidati potranno scegliere solo una regione per la quale concorrere e provare a essere assunti. All’interno del testo ufficiale del bando di selezione, il Ministero ha riportato le tabelle con i fabbisogni di personale docente dei singoli uffici scolastici regionale.

Consultando questi schemi, presenti nell’allegato A, potrai regolarti e scegliere meglio anche per quale territorio inviare la tua istanza di partecipazione.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

10.000 nuovi insegnanti nelle scuole italiane

Come dicevamo, il bando prevede il reclutamento di quasi 10mila nuovi insegnanti nelle scuole dell’infanzia e primarie del territorio nazionale. Le posizioni libere, che prevedono l’assunzione in particolare di docenti di sostegno, sono così strutturate:

Questo bando si unisce al concorso per la scuola secondaria di primo e secondo grado (scuole medie e superiori ndr) che procurerà quasi altri 21mila ingressi negli istituti italiani.

Quali sono i requisiti per il concorso docenti 2024?

I candidati, prima di inviare la propria istanza di partecipazione, dovranno verificare il pieno rispetto dei requisiti previsti dal bando ufficiale di concorso.

I requisiti per lavorare alla scuola primaria e all’asilo

Il testo ufficiale di selezione prevede una serie di parametri comuni che devono possedere sia i candidati alla scuola primaria sia quelli agli istituti dell’infanzia. Chi vuole concorrere per le posizioni comuni deve rispettare uno dei seguenti requisiti:

I requisiti per diventare insegnante di sostegno

Coloro che vogliono candidarsi come insegnanti di sostegno, devono invece essere in possesso, oltre ai parametri previsti per i posti comuni, anche:

Le prove del concorso scuola da 10mila posti

Il concorsone per la scuola elementare e dell’infanzia prevede lo svolgimento di tre prove differenti. Abbiamo riassunto le principali caratteristiche dei vari test nella prossima tabella:

Tipo di ProvaProva ScrittaProva Orale
CaratteristicheComputer-based, valida per tutte le tipologie di posti.Valutazione delle conoscenze e competenze specifiche del candidato, inclusa la capacità di progettazione didattica.
Contenuto50 quesiti a risposta multipla così suddivisi:
– 40 in ambito pedagogico, psicopedagogico e didattico-metodologico;
– 5 sulla conoscenza della lingua inglese;
– 5 sulle competenze digitali.
Per i posti comuni: accertamento delle competenze sulla specifica tipologia di posto e competenze didattiche generali.
Per i posti di sostegno: valutazione delle competenze nel sostegno all’alunno con disabilità. Include lezione simulata.
Durata100 minuti, con eventuali tempi aggiuntivi.Massimo 30 minuti, con eventuali tempi aggiuntivi.
RegolamentazioneOrdine casuale dei quesiti. Divieto di portare materiali di studio, di comunicare con altri, o usare dispositivi elettronici.Estrazione a sorte delle domande e delle tracce per la lezione simulata. Valutazione anche della lingua inglese al livello B2.
AmministrazionePossibilità di non contestualità delle prove in base al numero di partecipanti.Comunicazione dei punteggi ai candidati attraverso il Portale Unico del reclutamento.
Le prove concorsuali del bando scuola

La creazione delle graduatorie

Una volta svolte le prove scritte e orali, gli uffici scolastici regionali proseguiranno con la valutazione dei titoli dei singoli candidati. A questo punto saranno redatte delle apposite graduatorie per ogni tipologia di posto.

L’articolo 9 del bando concorsuale, recita infatti che «la graduatoria dei vincitori, per ogni tipologia di posto e per il sostegno, è compilata sulla base della somma dei punteggi riportati nelle prove di cui agli articoli 6 e 7 e nella valutazione dei titoli, effettuata per i soli candidati che abbiano superato tutte le prove previste».

Come partecipare al concorso docenti

I cittadini che rispettano tutti i requisiti previsti dal bando ufficiale di concorso potranno inviare l’istanza di partecipazione entro le 23.59 del prossimo 9 gennaio. La candidatura dovrà avvenire in modalità telematica tramite:

In entrambi i casi è necessario autenticarsi e accedere alle piattaforme tramite una delle identità digitali riconosciute dalla Pubblica Amministrazione come lo Spid, la Cie o la Cns.

Concorso docenti: bando infanzia primarie
L’immagine rappresenta i futuri assunti del bando per il concorso per docenti

FAQ sui concorsi pubblici nella scuola

Concorso nella scuola e candidati disabili

Seguendo la legge numero 104 del 1992, i candidati affetti da patologie che ne limitano la libera e totale autonomia, possono essere assistiti nell’espletamento delle prove concorsuali dal personale competente messo a disposizione dagli Uffici scolastici regionali. Per ottenere questo beneficio bisogna:

La quota di partecipazione ai bandi pubblici

Quasi tutti i concorsi pubblici oggi prevedono il pagamento di una quota di partecipazione pari a 10 euro. Questo versamento serve per coprire le spese di segreteria e organizzazione della selezione concorsuale.

Quanti punti possono essere assegnati nella valutazione per titoli?

Oltre alle prove di selezione, scritte e orali, questo bando prevede una valutazione dei titoli accademici, culturali e professionali dei candidati.

Su un totale di 250 punti, ogni partecipante può ottenere un punteggio massimo complessivo di 50 punti per questa categoria.

Scopri quali sono gli ultimi concorsi attivi e le aziende che stanno assumendo in questi mesi.