privacy
Home / Lavoro » Pensioni / Disoccupazione agricola: come incidono i giorni di lavoro
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Disoccupazione agricola: come incidono i giorni di lavoro

Come incidono i giorni di lavoro sulla disoccupazione agricola? Ecco cosa sapere su diritto all'indennità, importi e contributi figurativi.

di Carmine Roca

Giugno 2024

In questo approfondimento vi parleremo di come incidono i giorni di lavoro sulla disoccupazione agricola (scopri le ultime notizie su lavoro, disoccupazione, offerte di lavoro e concorsi attivi. Ricevi le news gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Cos’è la disoccupazione agricola?

La disoccupazione agricola è un’indennità erogata ai lavoratori agricoli dipendenti e alle figure equiparate.

Possono usufruirne:

Non hanno diritto all’indennità:

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Come incidono i giorni di lavoro sulla disoccupazione agricola?

Sul diritto e sull’importo dell’indennità influisce il numero di giornate lavorate.

La disoccupazione agricola spetta per un numero di giornate pari a quelle lavorate entro il limite massimo di 365 giorni, dalle quali vanno detratte:

Per quanto riguarda gli importi, l’indennità spetta per il 40% della retribuzione di riferimento. Dall’importo viene detratto il 9% dell’indennità giornaliera di disoccupazione a titolo di contributo di solidarietà. Questa trattenuta viene effettuata per un massimo di 150 giorni.

Agli operai agricoli a tempo indeterminato l’indennità viene erogata per un importo pari al 30% della retribuzione effettiva, ma non viene applicata la trattenuta per contributo di solidarietà. L’indennità viene pagata direttamente dall’INPS in un’unica soluzione.

Come incidono i giorni di lavoro sulla disoccupazione agricola: l’accredito dei contributi

Anche per quanto concerne l’accredito di contribuzione figurativa va tenuto conto delle giornate lavorate e di quelle indennizzate ad altro titolo, detratte dal parametro 270, pari all’anno intero ai fini pensionistici.

Le giornate accreditate figurativamente sono utili ai fini del diritto e della misura delle pensioni di vecchiaia, di invalidità e ai superstiti e solo della misura della pensione anticipata.

Chi, nell’anno di competenza della prestazione, è iscritto negli elenchi nominativi per almeno 101 giornate o abbia svolto attività lavorativa dipendente agricola ed eventualmente non agricola per più di 150 giorni, avrà le prime 90 giornate di accredito figurativo valide anche ai fini del diritto alla pensione anticipata.

Come incidono i giorni di lavoro sulla disoccupazione agricola: gli ANF

Il lavoratore agricolo, contestualmente alla domanda di indennità di disoccupazione agricola, può richiedere anche l’ANF (Assegno al Nucleo Familiareentro il limite della prescrizione retroattiva di 5 anni.

I requisiti di reddito e composizione del nucleo familiare sono gli stessi previsti per la generalità dei lavoratori dipendenti.

L’INPS eroga l’assegno per il nucleo familiare sull’indennità di disoccupazione agricola spettante e, limitatamente agli operai agricoli a tempo determinato, sull’attività lavorativa dipendente prestata nel settore agricolo. La percezione dell’assegno è legata alla durata dell’attività lavorativa.

Per quanto riguarda gli operai agricoli a tempo determinato che svolgono nell’anno solare meno di 101 giornate di lavoro agricolo, l’assegno al nucleo familiare spetta per le giornate effettivamente lavorate, maggiorate della percentuale delle giornate spettanti a titolo di ferie e festività (13,78%) e per tutte le giornate di disoccupazione coperte da contribuzione figurativa, detraendo dal parametro 270 le giornate lavorate e quelle indennizzate ad altro titolo fino a un massimo di 180 giorni.

Agli operai agricoli a tempo determinato che svolgono nell’anno solare un numero pari o maggiore alle 101 giornate di lavoro agricolo, l’assegno al nucleo familiare compete per l’intero anno (312 giorni) sull’attività lavorativa.

L’ANF spetta anche per le giornate di inattività (infortunio o malattia professionale, malattia, gravidanza e puerperio), a patto che il lavoratore agricolo:

La durata dell’erogazione avverrà:

Come incidono i giorni di lavoro sulla disoccupazione agricola
Come incidono i giorni di lavoro sulla disoccupazione agricola: in foto un lavoratore agricolo.

Faq sulla disoccupazione agricola

Qual è l’importo massimo della disoccupazione agricola?

L’importo massimo erogabile nel 2024 non potrà comunque superare i 1.321,53 euro, come stabilito da INPS nella circolare n. 25 del 29 gennaio 2024. 

È prevista un’altra data di pagamenti della disoccupazione agricola a giugno 2024?

Sì, martedì 18 giugno 2024, l’INPS erogherà l’indennità di disoccupazione agricola 2024 relativa alle giornate non lavorate nel 2023. L’accredito avverrà però nella data specifica solamente per coloro i cui fascicoli previdenziali riportano questo giorno preciso.

Si può richiedere la disoccupazione agricola dopo le dimissioni per giusta causa?

La Corte Costituzionale (sentenza n. 269 del 24 giugno 2002) ha stabilito che dopo le dimissioni per giusta causa il lavoratore possa richiedere la disoccupazione agricola solo se queste sono dovute a:

Quando va richiesta la disoccupazione agricola?

La disoccupazione agricola può essere richiesta ogni anno tra il 1° gennaio e il 31 marzo, con queste modalità:

Ecco i 5 articoli sul lavoro preferiti dagli utenti: