privacy
Home / Lavoro » Lavoro e disabilità / Militare invalido civile: cosa sapere
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Militare invalido civile: cosa sapere

Scopri cosa accade a un militare con invalidità civile e qual è la procedura da seguire per vedersela riconosciuta.

di Antonio Dello Iaco

Febbraio 2024

Un militare con invalidità civile ha gli stessi diritti di un cittadino comune? Cosa accade a chi viene riconosciuto questo status a seguito di un accertamento fatto dalla commissione medica incaricata INPS? (scopri le ultime notizie su lavoro, disoccupazione, offerte di lavoro e concorsi attivi. Ricevi le news gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Militare con invalidità civile: come funziona

L’invalidità civile per un militare viene riconosciuta seguendo le stesse modalità previste per i comuni cittadini. È quindi necessario presentare un’apposita istanza all’INPS in via telematica. Puoi farlo in autonomia da casa utilizzando un qualsiasi computer oppure puoi farti aiutare da un Caf o da un patronato territoriale.

Ricorda che il primo passo è l’invio di un certificato medico digitale dal quale si evincono le tue patologie e malattie che potrebbero portare al riconoscimento dell’invalidità civile.

All’atto di presentazione della domanda potrà essere già fissata la data della visita di accertamento sanitario da compiere davanti la commissione INPS. Puoi modificare questo appuntamento una sola volta entro determinati limiti di tempo predefiniti e comunicati all’atto della prenotazione.

A questo punto verrai visitato dalla commissione incaricata INPS che, dopo qualche settimana, rilascerà un verbale con il quale decreterà l’eventuale invalidità e la tua percentuale.

Quando si parla di invalidità civile?

Si parla di invalidità civile quando, a seguito dei dovuti accertamenti da parte dell’INPS, risulta una percentuale superiore al 33 per cento. Questo è il livello minimo per l’ottenimento di questo status che consente l’accesso a una serie di agevolazioni.

Più alta è la percentuale e maggiori sono gli incentivi e i benefici previsti dalla normativa italiana. Si pensi che, al raggiungimento del 74 per cento di invalidità, può scattare l’accredito di un apposito assegno di sostentamento.

Si parla invece di indennità di accompagnamento al raggiungimento di un’invalidità grave certificata al 100 per cento.

Nella prossima tabella potrai consultare i principali livelli di invalidità e i connessi benefici previsti:

Percentuale riconosciuta di invaliditàEsempio di agevolazione prevista
33,33%agevolazioni per l’acquisito di protesi e altri strumenti medici
46%iscrizione al collocamento obbligatorio nelle categorie protette (riservato a chi ha un’età compresa tra 16 e 65 anni ed è disoccupato)
51%congedi per le cure necessarie
67%esenzione dal ticket sanitario
74% percepimento dell’assegno mensile di invalidità (occorre avere un’età compresa tra 18 e 65 anni)
100%riconoscimento dell’accompagnamento e della pensione di inabilità
Percentuali di invalidità e benefici per militari invalidi
ASSEGNO DI INCLUSIONE, CAMBIANO gli IMPORTI a febbraio: ISEE CORRENTE e NON, che succede

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Invalidità civile per militare: scatta la riforma?

Se durante il servizio viene riconosciuta l’invalidità civile a un militare delle Forze Armate, scatta in automatico la sua riforma come impiegato civile?

La risposta è no. I due istituti sono infatti separati e indipendenti. Tra le motivazioni previste dalla normativa italiana non c’è l’invalidità civile. Tuttavia, le patologie che potrebbero portare al riconoscimento dell’invalidità civile, possono farti ottenere la non idoneità all’impiego militare.

La riforma come militare si ottiene presentando a un’apposita commissione medica dell’arma una serie di documenti che attestino la tua non capacità fisica o psicologica di proseguire il servizio attivo. La riforma, che può essere idonea o temporanea, si ottiene principalmente per i seguenti motivi:

SezioneArticoloDescrizione della condizione
Disarmonie Generali e Distrofie CostituzionaliArt. 1Disarmonie generali e distrofie di grado elevato, inclusa gracilità e obesità.
Dismetabolismi, Disendocrinie ed EnzimopatieArt. 2a) Difetti del metabolismo glicidico, lipidico, protidico;
b) Mucoviscidosi.
Art. 3Endocrinopatie.
Art. 4Difetti enzimatici.
Malattie da Agenti Infettivi e da ParassitiArt. 5Malattie infettive o parassitarie con lesioni organiche o alterazioni funzionali gravi.
Ematologia, Immuno-Allergologia e TossicologiaArt. 6a) Malattie primitive del sangue;
b) Malattie secondarie del sangue.
Art. 7a) Asma bronchiale allergico e allergie gravi;
b) Intolleranze e idiosincrasie gravi a farmaci/alimenti;
c) Sindrome da immunodeficienza;
d) Connettiviti sistemiche.
Art. 8Intossicazione cronica da piombo o altri metalli.
NeoplasieArt. 9a) Tumori maligni;
b) Tumori benigni deturpanti o limitanti funzionalmente.
Cranio e Complesso Maxillo-FaccialeArt. 10-13Malformazioni craniche, modificazioni morfologiche delle ossa del cranio, malformazioni e malattie del complesso maxillo-facciale, denti mancanti o inefficienti.
Apparato CardiovascolareArt. 14-17Malformazioni del cuore, malattie dell’endocardio, miocardio, pericardio, turbe del ritmo cardiaco, ipertensione, aneurismi, malattie delle arterie, delle vene e dei vasi linfatici.
Apparato RespiratorioArt. 18Dismorfismi della gabbia toracica, malattie croniche dei bronchi e polmoni, malattie delle pleure.
Apparato DigerenteArt. 19-21Malformazioni e malattie croniche delle ghiandole salivari, ernie viscerali, malattie del tubo digerente, fegato, vie biliari, pancreas, peritoneo.
Apparato UrogenitaleArt. 22-23Malformazioni, malattie o esiti del rene, pelvi, uretere, vescica, uretra, prostata, pene, testicolo, scroto.
NeurologiaArt. 24-28Malattie del sistema nervoso centrale e periferico, miopatie, epilessie, esiti di traumi encefalici e midollari.
PsichiatriaArt. 29-35Ritardo mentale, disturbi dell’adattamento, disturbi dell’identità di genere, disturbi dell’alimentazione, disturbi delle funzioni evacuative, disturbi da tic, disturbi del sonno, disturbi dell’eloquio, disturbi da uso di sostanze psicoattive, disturbi organici e non organici di personalità, disturbi nevrotici, disturbi psicotici.
OftalmologiaArt. 36-44Malformazioni, malattie degli occhi, disturbi della motilità oculare, discromatopsie, anoftalmia, glaucoma, deficit visivi, emeralopia, miopia, ipermetropia, astigmatismo.
OtorinolaringoiatriaArt. 45-47Malformazioni dell’orecchio, ipoacusie, malformazioni del naso e dei seni paranasali, malformazioni della faringe, laringe, trachea.
DermatologiaArt. 48Alterazioni congenite, croniche, virosi proliferative della cute e degli annessi.
Apparato LocomotorioArt. 49-57Malattie dell’apparato scheletrico, dei muscoli, delle articolazioni, mancanza anatomica o perdita funzionale di mani, dita, piedi, deformità degli arti, dismetria degli arti inferiori.
Altre Cause di Non IdoneitàArt. 58Imperfezioni o infermità non specificate che rendono il soggetto non idoneo, complesso di imperfezioni che rendono non idoneo.
ELENCO DELLE IMPERFEZIONI E DELLE INFERMITÀ CHE SONO CAUSA DI INABILITA’ AL SERVIZIO MILITARE

Invalidità per i militari: la sentenza del 2012

L’invalidità per militari è sempre stato un tema molto discusso all’interno delle varie Forze Armate del Paese. Fino al 2012, molti diritti agli invalidi dell’arma non venivano riconosciuti. Con la sentenza numero 4047 di quell’anno però, tutto è cambiato.

Il Consiglio di Stato ha infatti riconosciuto l’applicabilità della legge 104 anche al personale militare e a quello dei Vigili del Fuoco. La sentenza si è in particolare soffermata sull’articolo 33 del provvedimento legislativo che regola i permessi retribuiti e la scelta della sede di lavoro.

Il militare che beneficia di legge 104 può rifiutare il trasferimento per motivi legati al suo stato di salute o all’assistenza di un suo familiare di cui ne è il caregiver diretto.

Militare invalido civile: cosa sapere
L’immagine rappresenta un militare con invalidità civile

FAQ sull’invalidità civile militare

Cos’è l’invalidità civile militare?

L’invalidità civile militare è un riconoscimento che viene dato a coloro che hanno subito danni fisici o psichici a causa del servizio militare.

Questo riconoscimento è importante perché offre un sostegno concreto a chi ha dedicato parte della propria vita al servizio della patria e ha subito conseguenze permanenti sulla propria salute.

Come posso richiedere il riconoscimento dell’invalidità civile?

Per richiedere il riconoscimento dell’invalidità civile, è necessario seguire una procedura specifica. Innanzitutto, è fondamentale compilare accuratamente la domanda, fornendo tutte le informazioni richieste in modo dettagliato.

Questo può includere la presentazione di documenti medici che attestino il danno subito e la sua relazione con il servizio militare. È consigliabile anche consultare un esperto o un’associazione specializzata che possa offrire supporto nella compilazione della domanda e nella raccolta della documentazione necessaria.

Una volta presentata la domanda, le autorità competenti esamineranno il caso e valuteranno se sussistono i requisiti per il riconoscimento dell’invalidità.

Quali sono i benefici dell’invalidità civile militare?

I benefici del riconoscimento dell’invalidità per i militari sono molteplici e mirano a garantire un adeguato sostegno ai veterani che hanno subito danni a causa del loro servizio.

Tra i principali vantaggi vi sono le pensioni di invalidità, che offrono un reddito mensile per aiutare a sostenere le spese quotidiane.

Inoltre, coloro che sono riconosciuti come invalidi civili possono usufruire di assistenza sanitaria gratuita presso strutture convenzionate. Questo significa che non dovranno preoccuparsi dei costi relativi alle cure mediche e alle terapie necessarie.

Oltre a ciò, l’invalidità civile militare può garantire esenzioni da alcuni tributi e agevolazioni nell’accesso al lavoro e alla formazione professionale, contribuendo così a facilitare il reinserimento sociale ed economico dei veterani nell’ambito civile.

Ecco i 5 articoli sul lavoro preferiti dagli utenti: