privacy
Home / Lavoro / Pensionato, come essere garante di un mutuo
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Pensionato, come essere garante di un mutuo

Scopri se, per l'ordinamento giuridico italiano, un pensionato come garante di un mutuo è una situazione possibile.

di Antonio Dello Iaco

Aprile 2024

Un pensionato come garante di un mutuo può essere designato? Considerate le tante domande che ci avete posto, proviamo a chiarire questo concetto (scopri le ultime notizie su lavoro, disoccupazione, offerte di lavoro e concorsi attivi. Ricevi le news gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Il ruolo del garante

Quello del garante è un profilo fondamentale per il riconoscimento di mutui e prestiti, in particolare per quanto riguarda quelli con cifre più elevate. È un ruolo importante che va ricoperto con un certo impegno e coscienza di quello che si sta facendo.

Il garante deve essere pienamente consapevole dei rischi a cui va incontro, così come della propria solvibilità, che rappresenta la capacità di onorare l’impegno finanziario assunto.

Secondo la normativa, è stabilito un limite massimo di importo sul quale può intervenire il fiduciario. Oltre questo valore il garante non è tenuto a coprire i pagamenti al posto del mutuatario.

La garanzia si conclude con il pagamento completo del debito legato al mutuo da parte del titolare del prestito. In ogni caso, si tratta di un impegno vincolante.

BONUS OVER 55, 60, 65 e 75 ANNI

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Come si nomina un garante di un mutuo

Quando viene acceso un finanziamento la banca o l’istituto di credito del caso, hanno necessità di adeguate garanzie economiche che vengono date da un’apposita figura nominata dal titolare del mutuo.

Non è necessario che ci sia uno specifico rapporto di parentela tra la persona che ha aperto il prestito e chi fungerà da garante in via ufficiale. L’unico interesse dell’istituto bancario è quello che il garante sia un soggetto che possiede un patrimonio tale da poter saldare eventualmente il debito non pagato del mutuario.

Tuttavia è necessario che il garante sia una persona che, oltre ai requisiti patrimoniali, rispetti anche degli specifici parametri anagrafici e reddituali.

Inoltre è fondamentale che il fiduciario, non abbia già dato disponibilità e non sia stato già riconosciuto come garante di altri prestiti con lo stesso capitale economico o patrimoniale a copertura.

Pensionato come garante di un mutuo: si può nominare?

Sulla base di quello che abbiamo spiegato nel paragrafo precedente, un pensionato può essere nominato come garante di un finanziamento. Secondo la normativa generale, è però necessario che questo soggetto non abbia più di 75 anni alla data di estinzione del mutuo.

Va però sottolineato che, negli ultimi anni, molte banche hanno innalzato i limiti di età per essere designati come garante di un mutuo. Diversi istituti hanno infatti approvato l’aumento a 80 o a 85 anni per ricoprire questa figura.

Cosa accade se il fiduciario muore?

Che si tratti di un pensionato oppure di un lavoratore, cosa succede qualora chi viene nominato fiduciario muore? L’ordinamento parla chiaro: tocca agli eredi assolvere all’obbligazione contratta in passato.

Questo vuol dire quindi, che gli eredi saranno i garanti di questo prestito di denaro per il quale occupava il ruolo di fiduciario la persona che è venuta a mancare.

Posso nominare due garanti differenti?

Per quanto riguarda il numero di garanti che è possibile nominare, la normativa nazionale non fa alcuna difficoltà. Il titolare del mutuo infatti, può designare anche più di un fiduciario.

In questo caso sono i beni di entrambi, indicati all’atto di accensione del mutuo, a fungere da garanzia, salto altri accordi previsti tra le parti.

Il garante può chiedere indietro i soldi pagati? Il diritto di regresso

Il diritto di regresso è una condizione riconosciuta dall’ordinamento italiano e, in particolare, dal codice civile vigente nel nostro Paese.

Si rivolge a varie materie tra cui quella del trasporto cumulativo, con l’articolo 1700 in cui il vettore chiamato a rispondere di un fatto non proprio può agire contro gli altri, e quella della materia assicurativa, disciplinata dall’articolo 1910 del codice in cui il coassicuratore che ha pagato l’indennizzo ha diritto di regresso verso gli altri assicuratori.

In ogni situazione, il garante ha il diritto di regresso. Qualora il fiduciario dovesse pagare delle somme per conto del titolare del prestito, è infatti sua facoltà richiedere al debitore di rimborsare le quote pagate per suo conto.

Il garante quindi, non può rivolgersi alla banca che ha ricevuto la quota spettante prevista dagli accordi. Per recuperare i soldi “anticipati” per il debitore del quale è garante, deve contattarlo direttamente e farsi restituire la quota economica versata.

Pensionato, come essere garante di un mutuo
L’immagine rappresenta un pensionato come garante di un mutuo

FAQ sulla garanzia in un mutuo

Cos’è una garanzia in un mutuo?

La garanzia in un mutuo è una protezione che una persona offre alla banca per ottenere il finanziamento. Questo tipo di sicurezza serve per convincere la banca a dare il finanziamento, specialmente se chi lo richiede non ha una storia creditizia forte o se il reddito è incerto.

Il garante si impegna a pagare il mutuo nel caso in cui il mutuatario non sia più in grado di farlo. È una forma di sicurezza molto comune nei prestiti bancari.

Quali rischi corre il garante di un mutuo?

Essere garante di un finanziamento comporta rischi significativi. Se il mutuatario non riesce a pagare le rate del mutuo, la banca chiederà al garante di coprire gli importi mancanti.

Questo può mettere in difficoltà finanziaria il garante, specialmente se non era preparato a questa eventualità. Inoltre, se il garante è costretto a pagare, ciò potrebbe influire negativamente sulla sua capacità di ottenere prestiti in futuro, dato che il suo debito aumenta.

Fino a quando dura la garanzia di un finanziamento?

La garanzia di un mutuo rimane in vigore fino al completo rimborso del debito. Questo significa che il garante è responsabile per tutta la durata del mutuo, a meno che non vengano fatte modifiche al contratto o il mutuo non venga rifinanziato o estinto anticipatamente.

È importante che il garante tenga traccia dei pagamenti del finanziamento per essere sempre aggiornato sulla situazione del debito.

Ecco i 5 articoli sul lavoro preferiti dagli utenti: