privacy
Home / Pensioni / Pensione complementare: cos’è e conviene?
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Pensione complementare: cos’è e conviene?

Scopri cos'è e quali sono i vari dettagli sulla pensione complementare, il secondo pilastro del sistema previdenziale.

di Antonio Dello Iaco

Marzo 2024

Accendere un fondo di pensione complementare è un’opportunità molto importante per chi sta ancora lavorando e riceverà un assegno previdenziale non all’altezza delle aspettative. Ecco tutte le caratteristiche (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Cos’è la pensione complementare?

Il sito ufficiale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali definisce la pensione complementare come “il secondo pilastro del sistema pensionistico il cui scopo è quello di integrare la previdenza di base obbligatoria o di primo pilastro”.

L’obiettivo di questo istituto è infatti quello di concorrere alla formazione del reddito pensionistico di coloro che oramai non lavorano più ma che percepiscono un assegno previdenziale per loro non sufficiente.

Il trattamento pensionistico complementare è noto anche come fondo pensione integrativo. Si tratta di una possibilità che viene data ai lavoratori, di accumulare una parte della loro retribuzione in un tesoretto per il futuro.

Una volta raggiunta la pensione poi, insieme all’assegno mensile previsto in base ai tuoi contributi versati, riceverai anche un’integrazione dovuta al fondo pensione.

Chi può accedere al fondo pensione complementare?

Disciplinato dall’articolo 2 del decreto legislativo 252 del 2005, possono sottoscrivere un fondo integrativo per la pensione:

ASSEGNO DI INCLUSIONE OVER 60 SINGLE: REQUISITI e OBBLIGHI

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Come si attiva un fondo pensione?

L’attivazione di un piano integrativo pensionistico è molto semplice. Bisogna scegliere solo l’istituto di credito o bancario o comunque di settore, che fa più al caso tuo. Le varie realtà si differenziano in base a vari fattori tra cui troviamo, forse tra i più importanti, il tasso di rendimento degli investimenti.

Una volta fatto questo passaggio, dovrai decidere quanto versare e con quale periodicità. Salvo particolari vincoli contrattuali, godi di libera scelta.

Il nostro consiglio è quello di girare giusto qualche agenzia del tuo territorio che offre questa tipologia di servizio e comparare similitudini e differenze prima di scegliere.

Esistono poi varie piattaforme che si occupano di mettere a paragone i piani previdenziali complementari attivi. È per esempio il caso di:

I tipi di fondi pensione

Le forme pensionistiche di tipo complementare si differenziano in varie tipologie:

Il fondo pensione può fallire?

No, il fondo pensione non può fallire. Questo è chiarito dall’articolo 15 comma 5 del Decreto legislativo 252/2005, il quale esclude il fallimento per i fondi pensione, applicando solo la disciplina dell’amministrazione straordinaria e della liquidazione coatta amministrativa.

Le risorse del fondo sono custodite presso una Banca depositaria. Un fondo, invece, pensione può cessare l’attività attraverso la liquidazione coatta amministrativa. Questa azione però, non pregiudica le posizioni degli iscritti.

La gestione finanziaria del fondo si basa sulle commissioni e sui contributi versati dai lavoratori e dalle aziende, non sulle risorse degli iscritti. In caso di liquidazione, gli iscritti hanno la possibilità di trasferire il loro capitale accumulato presso un’altra forma di previdenza complementare senza penalità.

Pensione complementare: cos'è e conviene?
L’immagine rappresenta un anziano che si è arricchito con la pensione complementare

FAQ sulla pensione complementare

Cosa succede se decido di ritirare i miei soldi da un fondo pensione prima del tempo?

Riscattare i soldi da un fondo pensione prima dell’età pensionabile può avere conseguenze negative sul tuo risparmio futuro. In genere, comporta penalizzazioni sotto forma di tasse aggiuntive o perdite di benefici fiscali.

Inoltre, potresti perdere la possibilità di accumulare interessi e profitti sui tuoi investimenti nel lungo termine. È quindi importante valutare attentamente le opzioni disponibili e consultare un consulente finanziario prima di prendere una decisione così importante.

Come funziona un fondo pensione?

Il funzionamento di un fondo pensione è abbastanza semplice. Prima di tutto, decidi quanto denaro desideri versare regolarmente. Questo denaro viene poi investito in diversi strumenti finanziari, come azioni, obbligazioni o fondi comuni di investimento.

Nel corso del tempo, il denaro investito produce interessi e, se gli investimenti vanno bene, anche profitti. In questo modo, il tuo fondo pensione cresce gradualmente fino al momento in cui decidi di ritirarlo, di solito quando raggiungi l’età pensionabile.

Quali sono i vantaggi di un fondo pensione complementare?

I vantaggi di un fondo pensione sono molteplici e possono fare la differenza per il tuo futuro. Per cominciare, ti offre un metodo organizzato per risparmiare denaro per la pensione, poiché i versamenti sono pianificati e automatici.

Molti fondi pensione poi offrono vantaggi fiscali, come deduzioni fiscali sui contributi versati, il che significa che risparmi anche sulle tasse. Infine, un fondo pensione ti assicura un reddito stabile una volta che smetti di lavorare, garantendo una maggiore tranquillità finanziaria durante gli anni della pensione.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni: