privacy
Home / Pensioni / Pensione di reversibilità 2024: calcoli
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Pensione di reversibilità 2024: calcoli

Pensione di reversibilità 2024, vediamo quali sono i criteri, a chi spetta, i nuovi limiti di reddito e come si calcolano gli importi. La reversibilità, lo ricordiamo, spetta ai superstiti di un pensionato (o di un lavoratore) deceduti.

di Redazione

Marzo 2024

Vediamo in questo post come si calcola la pensione di reversibilità 2024 e quali sono i nuovi limiti di reddito. Scopriamo anche a chi tocca e quali sono i criteri previsti dalla legge. Ti ricordo che la reversibilità viene riconosciuta dall’INPS ai superstiti di un pensionato (o di un lavoratore) deceduto. (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Pensione di reversibilità 2024, a chi spetta e importi

La pensione di reversibilità 2024 si determina in base alla relazione di parentela con il defunto. Il coniuge superstite riceve il 60% della pensione che il deceduto percepiva in vita. Per il figlio unico superstite, che può essere minore, studente fino a 26 anni, o inabile, la quota aumenta al 70%. Nel caso in cui ci siano due figli o nipoti senza un coniuge superstite, hanno diritto all’80% della pensione del genitore o del nonno deceduto. Se i figli o nipoti sono tre o più, e non c’è un coniuge, la loro quota è del 100% della pensione.

Altri beneficiari

Nel caso non ci siano coniuge, figli o nipoti, la pensione può essere erogata a genitori, fratelli o sorelle non sposati che erano a carico del defunto.

Tabella

Con questa tabella è forse più chiara la reversibilità rispetto al legame familiare:

Parentela con il defuntoPercentuale della pensione
Coniuge superstite60%
Figlio unico superstite (minore, studente, inabile)70%
Due figli (o nipoti) superstiti, senza coniuge80%
Tre o più figli (o nipoti), senza coniuge100%
Genitori, fratelli, sorelle non sposati a caricoVariabile

Ma vediamo tutto nel dettaglio.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Pensione di reversibilità 2024: limiti di reddito

Ogni anno, i limiti di reddito personale che determinano l’accesso alla pensione di reversibilità possono subire modifiche. La legge 8 agosto 1995, n. 335 (nota come Riforma Dini) stabilisce che l’importo della pensione di reversibilità dipende dalla situazione economica del beneficiario. Per il 2024, sono stati introdotti nuovi limiti di reddito, oltre i quali si applicano delle decurtazioni sull’importo della pensione.

Rivalutazione e limiti

Il trattamento minimo, o pensione minima, viene aggiornato ogni anno in base all’inflazione media dell’anno precedente. Nel 2023, l’importo del trattamento minimo è aumentato a 567,94 euro, a seguito di un’inflazione del 8,1%. Con una rivalutazione dei trattamenti pensionistici del 5,4% per il 2024, il nuovo importo del trattamento minimo è di 598,61 euro.

Nuovi limiti reddituali

I limiti di reddito per il 2024, con le relative percentuali di taglio sulla pensione di reversibilità, sono definiti come segue:

Questi aggiustamenti sono importanti per comprendere quanto si riceverà di pensione di reversibilità nel 2024 e come il proprio reddito influisce sull’importo finale.

Calcolo della pensione di reversibilità 2024?

Per illustrare il calcolo della pensione di reversibilità 2024, consideriamo un esempio pratico. Immaginiamo una famiglia composta da due pensionati, ciascuno dei quali riceve un assegno mensile di 2000 euro lordi. La somma annuale, prima di qualsiasi trattenuta o detrazione, ammonta a 48.000 euro.

Esempio pratico

Nel caso in cui uno dei due coniugi venga a mancare, il superstite avrebbe diritto al 60% dell’assegno pensionistico del defunto, ovvero 1200 euro al mese. Tuttavia, con l’introduzione dei nuovi limiti di reddito per il 2024, la situazione cambia se il reddito del coniuge superstite si colloca all’interno di determinate fasce di reddito.

Se il reddito annuo del superstite è di 24.000 euro, rientrerebbe nella prima fascia di reddito, con una decurtazione del 25% sulla pensione di reversibilità. Di conseguenza, invece di ricevere 1200 euro, il coniuge superstite percepirebbe 900 euro mensili, a causa dell’applicazione del taglio previsto per quella fascia di reddito.

In questo post puoi verificare qual è la decorrenza della pensione di reversibilità nel 2024.

Il cumulo tra la pensione di reversibilità 2024 e altri redditi

La questione del cumulo tra la pensione di reversibilità 2024 e altri possibili redditi del beneficiario ha ricevuto dei chiarimenti dopo una sentenza della Corte Costituzionale. La sentenza n. 162 del 30 giugno 2022 stabilisce che la pensione di reversibilità non può subire tagli nel caso in cui venga cumulata con altri redditi, oltre un certo limite.

Sentenza della Corte Costituzionale

Secondo la Corte, la decurtazione applicata sulla pensione di reversibilità non può eccedere l’ammontare totale dei redditi addizionali percepiti dal beneficiario. Questo principio protegge il superstite da una possibile situazione paradossale in cui la riduzione della pensione, invece di sostenere, finirebbe per penalizzare economicamente il beneficiario.

Esclusione di decurtazioni in certi casi

È fondamentale notare che la presenza di figli minori di 21 anni (o fino a 26 anni se studenti) o inabili all’interno del nucleo familiare esclude a priori qualsiasi forma di decurtazione sulla pensione di reversibilità, indipendentemente dal reddito complessivo.

Inoltre, certi tipi di reddito, come la rendita della casa di abitazione, il trattamento di fine rapporto e i compensi arretrati soggetti a tassazione separata, non vengono considerati nel calcolo dei limiti di reddito per la decurtazione della pensione di reversibilità.

Pensione di reversibilità 2024: calcoli
Nell’immagine una donna che ha appena perso il marito e avrà diritto alla pensione di reversibilità 2024.

FAQ (domande e risposte)

Come si calcola la pensione di reversibilità 2024?

La pensione di reversibilità 2024 si calcola in base alla percentuale del montante pensionistico che il defunto percepiva in vita, assegnata ai superstiti secondo il loro grado di parentela. Ad esempio, il coniuge superstite riceve il 60% della pensione che il partner defunto percepiva. Se il beneficiario è un figlio unico, che può essere minore, studente o inabile, ha diritto al 70%. Nel caso ci siano due figli o nipoti, la quota sale all’80%, mentre tre o più figli (o nipoti) ereditano l’intero 100% della pensione. Per i familiari diversi da figli e coniuge, come genitori, fratelli o sorelle non sposati e a carico, l’assegno pensionistico è ancora possibile, seguendo criteri specifici definiti dall’INPS.

Quali sono i nuovi limiti di reddito per la pensione di reversibilità 2024?

I limiti di reddito per la pensione di reversibilità 2024 sono stati aggiornati in base alla rivalutazione annuale dei trattamenti pensionistici, che per il 2024 è stata del 5,4%. Ciò ha portato l’importo del trattamento minimo a 598,61 euro. I nuovi limiti di reddito determinano l’applicazione di decurtazioni percentuali sulla pensione di reversibilità per redditi che superano i 23.345,79 euro annui, con soglie specifiche che vanno da nessun taglio per redditi entro questa cifra, fino a un taglio del 50% per redditi che eccedono i 38.909,65 euro.

A chi spetta la pensione di reversibilità nel 2024?

La pensione di reversibilità nel 2024 spetta ai familiari superstiti di un pensionato o di un lavoratore deceduto, riconosciuta dall’INPS. I beneficiari includono il coniuge superstite, i figli (anche adottivi), che possono essere minori, studenti fino a 26 anni o inabili, e, in assenza di questi, altri familiari come genitori, fratelli o sorelle non sposati e a carico del defunto.

Quale percentuale della pensione spetta al coniuge superstite nel 2024?

Al coniuge superstite spetta il 60% della pensione che il defunto percepiva in vita. Questa percentuale rappresenta una frazione significativa dell’importo originale, destinata a fornire supporto finanziario al partner sopravvissuto.

Quali sono i criteri di decurtazione della pensione di reversibilità 2024?

I criteri di decurtazione della pensione di reversibilità 2024 si basano sui limiti di reddito annuale del beneficiario. Superata la soglia di 23.345,79 euro, la pensione subisce decurtazioni crescenti: un taglio del 25% per redditi fino a 31.127,72 euro, del 40% fino a 38.909,65 euro, e del 50% per redditi superiori. Questi tagli si applicano per adeguare l’importo della pensione alla situazione economica del superstite.

Come influisce il cumulo di redditi sulla pensione di reversibilità 2024?

Il cumulo di redditi influisce sulla pensione di reversibilità 2024 nel senso che, se il beneficiario percepisce altri redditi, la pensione di reversibilità può essere soggetta a decurtazioni. Tuttavia, una sentenza della Corte Costituzionale ha stabilito che tali decurtazioni non possono superare l’ammontare totale dei redditi aggiuntivi, proteggendo così il beneficiario da eventuali penalizzazioni eccessive. Inoltre, la presenza nel nucleo familiare di figli minori di 21 anni (o fino a 26 anni se studenti) o inabili esclude qualsiasi decurtazione, indipendentemente dal reddito percepito. Certi redditi, come la rendita della casa di abitazione, il trattamento di fine rapporto, e i compensi arretrati soggetti a tassazione separata, non sono considerati nel calcolo per la decurtazione.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni: