privacy
Home / Pensioni / Pensione di reversibilità per chi affitta una casa?
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Pensione di reversibilità per chi affitta una casa?

Pensione di reversibilità e reddito da locazione: se affittassi una casa, con il guadagno ricavato rischierei la decurtazione dell'importo della reversibilità? Sì, ecco quando.

di Carmine Roca

Maggio 2024

Oggi vi parliamo di pensione di reversibilità e reddito da locazione: la prestazione spetta a chi affitta una casa? (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Pensione di reversibilità e reddito da locazione: cosa sapere

Se percepisco la pensione di reversibilità e dessi in affitto un appartamento, il canone di locazione ricevuto può ridurre l’importo della prestazione?

Purtroppo la risposta è affermativa, ma solo nel caso in cui il reddito prodotto dall’affitto dell’abitazione provocasse il superamento della soglia minima di reddito personale, entro cui stare per ricevere la pensione di reversibilità in misura piena.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Pensione di reversibilità: redditi 2024 e tagli, quali sono?

La legge numero 335 del 1995 (la cosiddetta riforma Dini) ha introdotto degli scaglioni di reddito da rispettare, oltre i quali scattano decurtazioni dell’importo della pensione di reversibilità.

Per il 2024, il limite di reddito da rispettare è di 23.345,79 euro annui. Oltre questa soglia scatta una decurtazione dell’importo della reversibilità del 25%.

Con un reddito superiore a 31.127,72 euro annui (oltre 4 volte il trattamento minimo) sulla pensione di reversibilità scatta una decurtazione del 40% dell’importo.

Infine, con un reddito superiore a 5 volte il trattamento minimo (38.909,65 euro) scatta una decurtazione fino al 50% sull’importo della pensione di reversibilità.

Pensione di reversibilità e reddito da locazione: esempio decurtazione

Dunque, prendiamo come esempio una donna vedova con un reddito inferiore 23.345,79 euro annui, diciamo di 20.000 euro.

Nel caso in cui desse in affitto un’abitazione di sua proprietà per un importo mensile di 600 euro, ricaverebbe un guadagno annuo di 7.200 euro, che le farebbe superare abbondantemente il limite del primo scaglione.

Questo, perché, il reddito prodotto dal canone di affitto, anche nel caso in cui si applicasse la cedolare secca (l’IRPEF va pagata sul 95% del canone incassato), rientra nel calcolo del reddito ai fini del diritto alla pensione di reversibilità.

Non rientrano nel calcolo del reddito, soltanto:

Pensione di reversibilità: redditi 2024 e tagli, quando non sono previsti?

Quindi, chi supera il reddito minimo previsto dalla legge rischia sempre la decurtazione dell’importo della reversibilità dal 25% al 50%? Non è così.

I tagli dell’importo non vengono subiti nel caso in cui, nel nucleo familiare del percettore di pensione di reversibilità, fossero presenti figli minorenni, oppure di età inferiore a 21 anni (o 26 anni se ancora studenti) oppure figli inabili al lavoro, a prescindere dall’età anagrafica.

Pensione di reversibilità: tagli incostituzionali, per chi?

In seguito alla sentenza numero 162 dell’8-30 giugno 2022 della Corte Costituzionale, che ha ritenuto illegittimi i tagli della pensione di reversibilità, se in misura superiore alla concorrenza dei redditi stessi, l’INPS sarà costretta a restituire il “maltolto” agli aventi diritto.

La Consulta ha sentenziato l’illegittimità costituzionale del combinato disposto del terzo e quarto periodo del comma 41 dell’articolo 1 della legge 8 agosto 1995, n. 335, e della connessa Tabella F, nella parte in cui, in caso di cumulo tra il trattamento pensionistico ai superstiti e i redditi aggiuntivi del beneficiario, non prevede che la decurtazione effettiva della pensione non possa essere operata in misura superiore alla concorrenza dei redditi stessi“.

L’INPS, con la circolare numero 108 pubblicata il 22 dicembre 2023, ha confermato quanto disposto dalla Corte Costituzionale con effetto immediato.

Nel corso del 2024, l’istituto rideterminerà la trattenuta con effetti retroattivi fino a 5 anni, a chi presenterà domanda. L’istituto si occuperà delle operazioni di conguaglio e provvederà a rimborsare chi ha subito una ingiusta decurtazione dell’importo negli ultimi 60 mesi.

Pensione di reversibilità e reddito da locazione
Pensione di reversibilità e reddito da locazione: in foto un uomo consegna delle chiavi a un altro uomo.

Faq sulla pensione di reversibilità

In che percentuale spetta la pensione di reversibilità al coniuge?

A seconda della presenza o meno di figli a carico, la pensione di reversibilità al coniuge spetta in queste misure:

Quando il coniuge con pensione perde il diritto alla pensione di reversibilità?

La pensione di reversibilità decade se il coniuge con pensione divorziato decide di risposarsi. Avrà comunque diritto a un assegno una tantum, dell’importo pari a 26 rate di pensione di reversibilità spettante.

Quando spetta la reversibilità al coniuge con pensione divorziato?

Come modificato dalla legge numero 74 del 1987, il coniuge divorziato ha diritto alla pensione di reversibilità in presenza di queste condizioni:

Come si calcola la pensione di reversibilità al coniuge divorziato e al coniuge superstite?

In presenza del coniuge superstite, la pensione di reversibilità viene ripartita in quote e spetta sia al coniuge che all’ex coniuge. La Cassazione ha definito i criteri di ripartizione delle quote, prendendo in considerazione la durata dei rispettivi matrimoni, la durata delle convivenze prematrimoniali, le condizioni economiche dei due soggetti e l’entità dell’assegno divorzile.

In che modo il coniuge con pensione può presentare domanda per la pensione di reversibilità?

Il coniuge con pensione in possesso dei requisiti sopra indicati, può presentare domanda di reversibilità all’INPS in questo modo:

C’è incompatibilità tra pensione di reversibilità e pensione minima?

La prestazione spetta anche se il coniuge superstite percepisce una pensione propria e se l’assegno è integrato al trattamento minimo. Non c’è, dunque, incompatibilità tra pensione di reversibilità e pensione minima, ma a condizione che si rispettino determinati requisiti di reddito personali (e coniugali, ma nel nostro caso non è importante).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni: