privacy
Home / Pensioni / Pensione minima 2024 lorda
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Pensione minima 2024 lorda

Pensione minima lorda nel 2024: quali sono gli importi e i nuovi limiti reddituali? Scopriamo tutto in questo articolo.

di Carmine Roca

Febbraio 2024

In questo approfondimento vi parleremo di pensione minima lorda nel 2024 (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Pensioni 2024: rivalutazione e aumenti

Con la firma dal ministro Giorgetti sul decreto pubblicato il 29 novembre scorso, è stato disposto l’adeguamento delle pensioni al 5,4% ai dati ISTAT.

Con la Legge di bilancio 2024, a partire dal 1° gennaio 2024, gli assegni previdenziali e assistenziali con un importo fino a 2.272 euro lordi al mese sono stati aumentati del 5,4%.

Sugli importi di importo superiore a 2.272 euro lordi mensili spetta una rivalutazione ridotta, come si evince dalla tabella in basso:

IMPORTO PENSIONI 2024RIVALUTAZIONE
Pensioni fino a 2254 euro lordi al mese100%
Pensioni da 2272 euro a 2840 euro lordi al mese85%
Pensioni da 2841 a 3408 euro lordi al mese53%
Pensioni da 3409 a 4543 euro lordi al mese47%
Pensioni da 4544 a 5679 euro lordi al mese37%
Pensioni di importo superiore a 5679 euro lordi al mese22%
Rivalutazione delle pensioni 2024

Pensione minima lorda nel 2024: nuovi importi

A beneficiare della rivalutazione in misura piena è anche il trattamento minimo INPS, che per il 2024 è stato portato a 598,61 euro (+ 30,67 euro al mese di aumento).

Ma attenzione: come già avvenuto lo scorso anno, sull’importo della pensione minima si applica anche una rivalutazione extra del 2,7%, a prescindere dall’età anagrafica.

Infatti, rispetto al 2023 non c’è la soglia del 75° anno di età che permetteva, a chi li avesse compiuti, di ricevere un aumento del 6,4% (per chi aveva meno di 75 anni di età, il Bonus perequativo era dell’1,5%).

Con il 2,7% di rivalutazione extra, l’importo della pensione minima lorda nel 2024 è di 614,77 euro (circa 16 euro in più).

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Pensione minima lorda nel 2024: i limiti reddituali

Oltre all’importo, nel 2024 sono cambiati anche i limiti di reddito della pensione minima, in base all’anno di decorrenza del trattamento.

limiti di reddito per il trattamento minimo per lavoratori dipendenti sono i seguenti:

Per le pensioni con decorrenza compresa nell’anno 1994, i limiti sono i seguenti:

Per le pensioni con decorrenza successiva all’anno 1994, i limiti reddituali sono i seguenti:

Pensione minima lorda nel 2024
Pensione minima lorda nel 2024: in foto alcune banconote di euro.

Faq sulla pensione minima

Quali redditi si considerano per il calcolo del reddito per la pensione minima?

Ai fini del calcolo dei redditi individuali o coniugali non vengono considerati:

Quante settimane di contributi occorrono per avere diritto alla pensione minima?

Secondo la normativa, bisogna aver maturato almeno 20 anni di contributi, come richiesto per accedere alla pensione di vecchiaia. Questi corrispondono a 1040 settimane.

C’è ancora possibilità di portare le pensioni minime a 1.000 euro al mese?

Ad oggi, non ci sono grosse possibilità di vedere un aumento di quasi 400 euro al mese sulle pensioni minime. Manco a dirlo, a frenare la riforma dei trattamenti riservati a coloro che percepiscono assegni di importo inferiore alla soglia minima rivalutata anno per anno, è l’imponente spesa da affrontareQuanto costa portare la pensione minima a 1000 euro? Almeno 30 miliardi di euro. Una cifra che, al momento, le casse dello Stato non possono fronteggiare.

Come cambia l’IRPEF nel 2024 e chi ci guadagna?

Il governo Meloni ha apportato modifiche agli scaglioni IRPEF, che saranno i seguenti:

Cosa cambierà in euro? Praticamente nulla per i pensionati con redditi fino a 15.000 euro annui (la stragrande maggioranza): per loro, l’aliquota di riferimento rimane al 23%.

Nessuna novità neppure per chi ha un reddito tra 28.001 e 50.000 euro (si rimane al 35% di IRPEF) e per chi ha un reddito superiore a 50.001 euro (confermata l’aliquota del 43%).

Ad essere “agevolati”, per l’eliminazione dello scaglione del 25%, saranno coloro che dichiarano redditi superiori a 15.000 euro annui: si parla di riduzioni di imposta fino a 260 euro l’anno, circa 20 euro al mese.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni: