privacy
Home / Pensioni / Pensione minima con l’Assegno di inclusione?
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Pensione minima con l’Assegno di inclusione?

Pensione minima con l’Assegno di inclusione: spetta oppure no? Come funziona per il calcolo del reddito? Ne parliamo in questo approfondimento.

di Carmine Roca

Marzo 2024

Come funziona la pensione minima con l’Assegno di inclusione? (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Pensione minima con l’Assegno di inclusione: è possibile?

Iniziamo subito col dire che non c’è incompatibilità tra pensione minima e Assegno di inclusione.

Tra i beneficiari del sussidio introdotto a partire dal 1° gennaio 2024 in sostituzione del Reddito di cittadinanza ci sono pure i pensionati.

L’unica limitazione riguarda il reddito posseduto ai fini del diritto all’Assegno di inclusione. Nel reddito sono incluse, infatti, le pensioni dirette e indirette, in corso di godimento da parte dei componenti del nucleo familiare interessato, con decorrenza successiva al periodo di riferimento dell’ISEE.

Ad essere escluse dal calcolo del reddito e della determinazione dell’importo dell’Assegno di inclusione sono:

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Pensione minima con l’Assegno di inclusione: quale reddito?

Per avere diritto all’Assegno di inclusione è necessario possedere un reddito familiare inferiore a 6.000 euro annui, moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza.

Se il nucleo familiare è composto interamente da persone di età pari o superiore a 67 anni, oppure da persone di età pari o superiore a 67 anni e da altri familiari in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza, la soglia di reddito familiare è fissata a 7.560 euro annui, moltiplicati per il parametro della scala di equivalenza.

L’importo massimo di Assegno di inclusione per gli over 67 è di 7.560 euro annui.

Pensione minima con l’Assegno di inclusione: quali requisiti?

Oltre al reddito familiare inferiore a 7.560 euro annui, per avere diritto all’Assegno di inclusione con la pensione minima, necessario possedere:

Pensione minima nel 2024: di quanto è aumentata?

A partire dal 1° gennaio 2024, l’importo della pensione minima è stato aumentato del 5,4% per effetto della rivalutazione degli importi delle pensioni, pari al 5,4%.

Su quale importo si calcola la rivalutazione? Su 567,94 euro, che era l’importo base del 2023, al netto dei due mini-bonus dell’1,5% (per i pensionati al minimo sotto i 75 anni di età) e del 6,4% (per i pensionati al minimo con almeno 75 anni di età).

Il 5,4% di 567,94 euro è 30,67 euro, ovvero l’aumento mensile erogato a partire dal 1° gennaio 2024, per un totale di 598,61 euro.

A questo valore va aggiunta la perequazione extra 2024 del 2,7%, che fa lievitare l’importo della pensione minima a 614,77 euro al mese, per 13 mensilità.

Pensione minima con l’Assegno di inclusione
Pensione minima con l’Assegno di inclusione: in foto una coppia di anziani sorridenti.

Faq su pensione minima e Assegno di inclusione

Qual è il limite di reddito personale e coniugale per il diritto alla pensione minima nel 2024?

Per avere diritto alla pensione minima in misura piena è necessario dichiarare un reddito personale annuo non superiore a 7.781,93 euro. Con un reddito compreso tra 7.781,93 euro e 15.563,86 euro si avrà diritto all’integrazione al minimo in misura ridotta, pari alla differenza tra il valore massimo di reddito annuo e il proprio reddito. Con un reddito personale superiore ai 15.563,86 euro annui non si avrà diritto all’integrazione al minimo.

I redditi coniugali, invece, non devono superare 4 volte il trattamento minimo nell’anno di riferimento. Per il 2024 il limite massimo è di 31.127,72 euro annui.

Quali sono i limiti reddituali per le pensioni minime con decorrenza prima del 1994 e nel 1994?

Se la pensione ha avuto decorrenza nel 1994, i limiti reddituali sono i seguenti:

Per le pensioni con decorrenza precedente al 1994, i limiti reddituali sono i seguenti:

Quali redditi si considerano per il calcolo del reddito per la pensione minima?

Ai fini del calcolo dei redditi individuali o coniugali non vengono considerati:

Come funzionano i parametri della scala di equivalenza per l’Assegno di inclusione?

Il parametro della scala di equivalenza, di cui all’articolo 2, comma 4 è pari a 1 per il nucleo familiare ed è incrementato fino a un massimo complessivo di 2,2 ulteriormente elevato a 2,3 in presenza di componenti in condizione di disabilità grave o non autosufficienza.

In questo modo:

Chi controllerà ed eviterà gli abusi sull’Assegno di inclusione?

Il Ministero del Lavoro ha stilato un punto proprio dedicato ai controlli contro gli abusi sull’Assegno di inclusione e sul supporto per il lavoro. L’obiettivo è garantire a tutti cittadini un corretto utilizzo di queste nuove azioni a favore di inclusione sociale e accesso al mondo del lavoro. Pertanto sono previsti dei controlli coordinati tra Ispettorato Nazionale del Lavoro e Carabinieri.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni: