privacy
Home / Pensioni / Pensione per casalinghe, contributi da versare all’INPS?
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Pensione per casalinghe, contributi da versare all’INPS?

Pensione per casalinghe e contributi INPS: a chi vanno versati? Quando effettuare l'iscrizione e qual è la soglia minima di versamenti al Fondo? Ne parliamo in questo articolo.

di Carmine Roca

Marzo 2024

Oggi vi parleremo di pensione per casalinghe e contributi INPS: a chi vanno versati? (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Pensione per casalinghe e contributi INPS: dove versarli?

Rispondiamo subito alla domanda di apertura: a chi vanno versati i contributi per la pensione per casalinghe?

I versamenti vanno effettuati in un apposito Fondo di previdenza, istituito il 1° gennaio 1997, rivolto alle donne (e agli uomini) che svolgono lavori di cura non retribuiti e derivanti da responsabilità familiari.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Pensione per casalinghe e contributi INPS: come iscriversi al Fondo?

Al Fondo ci si può iscrivere a partire dal compimento del 16° anno di età e non oltre il 65° anno di età.

Una volta presentata domanda di iscrizione al Fondo, se non dovessero esserci condizioni ostative, la domanda viene automaticamente accolta e l’interessata (o l’interessato) potrà iniziare a versare i suoi contributi, dopo aver ricevuto la comunicazione di accoglimento della richiesta, contenente le informazioni necessarie al pagamento dei contributi e alla loro distribuzione.

Ricordiamo che l’iscrizione è attiva dal 1° giorno del mese in cui viene presentata la domanda e rimane valida anche se l’interessata non effettua versamenti nel Fondo pensione.

Pensione per casalinghe e contributi INPS: come si effettuano i versamenti al Fondo?

Ma come si effettuano i versamenti dei contributi? Una volta accettata la domanda di iscrizione all’apposito Fondo previdenziale, l’interessata riceverà, tramite posta, la lettera di avvenuta iscrizione e il codice fondo a lei attribuito.

I contributi possono essere versati accedendo al “portale dei pagamenti”, sul sito dell’INPS, utilizzando la sezione chiamata “Fondo Casalinghe e Casalinghi”.

L’accesso viene effettuato inserendo le proprie credenziali e, a scelta, il proprio codice fiscale o il codice fondo ricevuto in precedenza.

Dal “portale dei pagamenti”, l’interessata potrà:

Pensione per casalinghe e contributi INPS: c’è un limite di versamento?

Ma c’è un limite di versamento da rispettare? Assolutamente no, l’accredito dei contributi può essere effettuato in qualsiasi momento e con importo libero. Come spiegato in apertura, l’iscrizione rimane attiva anche se non si effettuano versamenti.

C’è, però, un limite mensile e un limite annuo da rispettare per vedersi accreditati un mese o un anno di contributi.

La soglia minima per ottenere un mese di contributi è di 25,82 euro, pari a 309,84 euro per l’accredito di un anno di contributi.

Ad esempio, se si versano 250 euro in un anno nel Fondo pensione per casalinghe, si avrà diritto all’accredito di 10 mesi di contributi. Per conoscere l’importo e il numero di versamenti accreditati dall’INPS, basta dividere l’importo versato per la quota minima mensile (25,82 euro).

Ricordiamo che, i contributi versati sono interamente deducibili dal reddito imponibile IRPEF del dichiarante e per i familiari a carico.

Pensione per casalinghe: quali sono?

Al raggiungimento dei requisiti previsti (anagrafico e contributivo), l’importo accumulato dà diritto a una pensione di vecchiaia o a una pensione di inabilità, nel caso in cui sopraggiunga una malattia o una menomazione fisica o psichica che renda impossibile lo svolgimento di un’attività lavorativa.

Il diritto alla pensione di vecchiaia può scattare già al compimento dei 57 anni di età, nel caso in cui la casalinga abbia versato almeno 5 anni di contributi e l’assegno mensile maturato abbia un importo pari o superiore a 1,2 volte il valore dell’Assegno sociale.

Per il 2024, l’importo dell’Assegno sociale è di 534,41 euro, quindi il valore dell’assegno pensionistico maturato dalla casalinga dovrà essere pari o superiore a 641,29 euro al mese.

Senza questi requisiti è necessario attendere il compimento del 65° anno di età, a prescindere dal valore dell’assegno.

Se, invece, la casalinga è stata riconosciuta inabile al lavoro a causa di una patologia o di una menomazione, questa avrà diritto alla pensione di inabilità per casalinghea prescindere dall’età anagrafica, ma solo se avrà versato almeno 5 anni di contributi nel Fondo pensione.

Pensione per casalinghe e contributi INPS
Pensione per casalinghe e contributi INPS: in foto una casalinga sorridente.

Faq sulla pensione per casalinghe

Per usufruire della pensione per casalinghe è necessario iscriversi all’INAIL?

Assolutamente sì, è un obbligo per i componenti del nucleo familiare, di età compresa fra i 18 e i 65 anni compiuti, che svolgono, in via esclusiva e non occasionale, senza vincolo di subordinazione e a titolo gratuito, attività in ambito domestico per la cura del proprio nucleo familiare.

Chi è iscritta al Fondo pensione casalinghe può lavorare o essere titolare di pensione diretta?

Assolutamente no. L’iscrizione è subordinata a queste condizioni:

Come si calcola la pensione per casalinghe?

La pensione si calcola col metodo contributivorivalutando il montante contributivo accumulato (ovvero il totale dei versamenti effettuati nel corso degli anni), applicando all’importo il coefficiente di trasformazione corrispondente all’età della casalinga (più elevata è l’età, più alto sarà il coefficiente, maggiore l’importo della pensione).

Si possono cumulare contributi per la pensione per casalinghe?

Purtroppo no. La normativa non consente di sommare i contributi versati nel Fondo casalinghe ai contributi maturati in altre gestioni previdenziali, attraverso gli istituti di cumuloricongiunzione o totalizzazione, poiché il Fondo casalinghe non è considerato un istituto previdenziale obbligatorio.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni: