privacy
Home / Pensioni / Quanto costano i contributi volontari nel 2024
×
Lavoro e Pensioni
×
icona-ricerca

Quanto costano i contributi volontari nel 2024

Quanto costano i contributi volontari nel 2024, vediamo in questo post qual è la spesa prevista per versare dei contributi previdenziali. I costi sono aumentati rispetto allo scorso anno per l'adeguamento all’inflazione.

di Redazione

Aprile 2024

Quanto costano i contributi volontari nel 2024? I prezzi sono aumentati rispetto allo scorso anno per l’adeguamento all’inflazione. Oggi la spesa minima per un anno di contributi è di 4.109 euro. Me vediamo nel dettaglio. (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Quanto costano i contributi volontari nel 2024?

La spesa per i contributi volontari sono aumentati nel 2024: ora un anno costa 4.109 euro rispetto ai 3.898 euro richiesti nell’anno precedente. L’Inps, con la Circolare n. 36/2024, conferma che le nuove tariffe sono già state calcolate e incluse nelle tabelle standard per i lavoratori sia dipendenti che autonomi. La variazione dei costi segue un’inflazione che lo scorso anno ha raggiunto il 5,4%.

I dettagli per i giovani lavoratori

Anche per i collaboratori under 21, le aliquote contributive hanno subito un incremento, attestandosi al 23,70% per gli artigiani e al 24,18% per i commercianti. Percentuali che rappresentano non solo un costo maggiore rispetto al passato ma anche un investimento significativo per il futuro pensionistico dei giovani lavoratori.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Cosa cambia con la decorrenza

Nel definire l’importo dei contributi volontari, un elemento chiave è la data di autorizzazione alla contribuzione. Per chi ha ottenuto l’approvazione prima del 31 dicembre 1995, l’aliquota applicata è del 27,87%, mentre per autorizzazioni successive si parla di un 33%. Queste percentuali si applicano alla retribuzione dell’ultimo anno di lavoro.

Scopri come aumentare la pensione con i contributi volontari.

Il contributo minimo

La soglia minima di retribuzione annua per l’accredito di una settimana di contributi è ora di 239,44 euro, il che implica un contributo minimo settimanale non inferiore a 79,02 euro. Estendendo il calcolo all’intero anno, si arriva a 4.109,79 euro. Per i lavoratori autorizzati prima del 1996, il contributo minimo settimanale si attesta su 66,73 euro, risultando in un totale annuo di 3.470,06 euro.

La prima fascia di retribuzione

Il calcolo dell’aliquota aggiuntiva si basa sulla prima fascia di retribuzione pensionabile, stabilita in 55.008 euro. Superando questa soglia, i contribuenti devono versare un extra dell’1%. Un altro valore significativo è il massimale, fissato a 119.650 euro; questa cifra è di riferimento per chi non aveva anzianità assicurativa al 31 dicembre 1995, o per chi ha optato per il sistema contributivo in base all’articolo 1, comma 23, della legge n. 335/1995.

TABELLA – Fondo pensione lavoratori dipendenti

CategoriaAutorizzati entro il 31.12.1995Autorizzati dopo il 31.12.1995Minimale Settimanale
Dipendenti non agricoli27,87%33,00%€239,44
Agricoli Dipendenti30,10%30,10%
Pescatori (legge 250/1958)10,47%14,90%
Lavoratori occupati in cantieri di lavoro10,94%14,57%
Lavoratori domestici12,9975%17,4275%

Artigiani e commercianti

Per gli artigiani e i commercianti, nonostante le riforme che si sono succedute, le modalità di contribuzione volontaria restano ancorate alla legge n. 233/1990. Questa normativa stabilisce otto classi di reddito, con l’individuazione della classe appropriata basata sul reddito medio inferiore o pari ai guadagni medi mensili degli ultimi tre anni di attività. Per il 2024, l’aliquota obbligatoria per questi lavoratori autonomi è confermata al 24% per gli artigiani e al 24,48% per i commercianti.

TABELLA – Fondi speciali artigiani e commercianti

Classe di redditoReddito medio imponibileArtigiani (Aliquota e Contribuzione mensile)Commercianti (Aliquota e Contribuzione mensile)
Fino a €18.415€18.415,00€368,30 / 24,00%€363,70 / 23,70%
da €18.416 a €24.514€21.465,00€429,30 / 24,00%€423,94 / 23,70%
da €24.515 a €30.613€27.564,00€551,28 / 24,00%€544,39 / 23,70%
da €30.614 a €36.712€33.663,00€673,26 / 24,00%€664,85 / 23,70%
da €36.713 a €42.811€39.762,00€795,24 / 24,00%€785,30 / 23,70%
da €42.812 a €48.910€45.861,00€917,22 / 24,00%€905,76 / 23,70%
da €48.911 a €55.007€51.959,00€1.039,18 / 24,00%€1.026,20 / 23,70%
Oltre €55.008€55.008,00€1.100,16 / 24,00%€1.086,41 / 23,70%

Come funziona per i parasubordinati

La situazione dei parasubordinati merita un’analisi a parte. Per calcolare il loro contributo volontario, si considera esclusivamente l’aliquota dell’Ivs in vigore. Per l’anno 2024, questa aliquota è del 33% per coloro che non sono coperti da tutela previdenziale, e del 25% per i possessori di partita Iva. Si stabilisce così che l’importo minimo per i contributi volontari della Gestione Separata non può scendere al di sotto dei 4.603,8 euro annui e 383,65 euro mensili per i professionisti, mentre per gli altri iscritti si parla di 6.077,04 euro annui e 506,42 euro mensili.

Ecco una sintesi in forma di tabella per chiarezza:

Gestione Separata InpsClassi di redditoSino a 18.415 euroOltre 18.415 euro
Partite Iva4.603,80 € per coprire un anno a fini pensionistici (383,65 € al mese)25% dell’importo dei compensi percepiti nell’anno precedente la domanda entro il massimale di 119.650 euro annui
Collaboratori ed altri iscritti alla gestione separata6.077,04 € per coprire un anno a fini pensionistici (506,42 € al mese)33% dell’importo dei compensi percepiti nell’anno precedente la domanda entro il massimale di 119.650 euro annui
Quanto costano i contributi volontari nel 2024
In questa immagine una coppia non distante dalla pensione calcola il costo dei contributi volontari.

FAQ (domande e risposte)

Qual è il costo minimo dei contributi volontari 2024?

Per il 2024, il costo minimo per garantirsi un anno di contribuzione volontaria presso l’Inps è di 4.109 euro. Questo importo rappresenta un aumento rispetto ai 3.898 euro del precedente anno, riflettendo le modifiche legate all’incremento dell’inflazione del 5,4% nel 2023.

Come influenza l’inflazione i contributi Inps nel 2024?

L’inflazione incide direttamente sui contributi Inps, portando nel 2024 ad un adeguamento dei costi. L’aumento dell’inflazione di 5,4% registrato l’anno precedente ha comportato un incremento dei minimi e dei massimali imponibili che sono la base per il calcolo dei contributi.

Cosa determina l’aumento dei contributi per under 21?

Per i collaboratori under 21, l’aumento delle aliquote contributive nel 2024 è determinato dalla volontà di adeguare i contributi all’inflazione e garantire la sostenibilità del sistema pensionistico. Gli artigiani under 21 affrontano un’aliquota del 23,70%, mentre per i commercianti la cifra è del 24,18%.

Quanto è il contributo minimo settimanale post-1995?

Per chi è stato autorizzato a contribuire volontariamente dopo il 31 dicembre 1995, il contributo minimo settimanale è stato fissato in 79,02 euro. Su base annuale, questo si traduce in 4.109,79 euro. Per i contribuenti autorizzati prima del 1996, il minimo settimanale è di 66,73 euro, per un totale annuo di 3.470,06 euro.

Quali sono le aliquote 2024 per artigiani e commercianti?

Nel 2024, le aliquote contributive obbligatorie per artigiani e commercianti sono rispettivamente del 24% e del 24,48%. Queste percentuali si applicano alle classi di reddito stabilite dalla legge n. 233/1990 e tengono conto dei redditi medi degli ultimi 36 mesi di attività.

Quanto devono pagare i parasubordinati nel 2024?

I parasubordinati, nel 2024, devono affrontare un contributo minimo annuo di 4.603,8 euro per i professionisti con partita Iva e 6.077,04 euro per gli altri iscritti alla Gestione Separata. Mensilmente, ciò si traduce in 383,65 euro per i professionisti e 506,42 euro per gli altri iscritti, calcolati sulla base dell’aliquota Ivs del 33%.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni: